Rischio blackout, un pericolo concreto per l’Europa: i motivi

Persiste un possibile rischio blackout tanto per il Vecchio Continente quanto per l’Italia. Ed a monte di tutto ciò si trovano diverse criticità.

Rischio blackout concreto per l'Europa
Rischio blackout concreto per l’Europa Foto dal web

Rischio blackout, in Europa questa è una bomba ad orologeria che potrebbe esplodere in qualsiasi momento. La colpa è da ricercare in diverse criticità di quelli che sono i sistemi elettrici presenti nel Vecchio Continente, Italia compresa.

Il passaggio a politiche ambientali eco friendly mostra il fianco ad enormi problemi, tra i quali un rischio blackout importante. Purtroppo le alternative non possono mostrare la dovuta costanza. L’energia eolica è un qualcosa di altamente aleatorio, così come quella solare in inverno non può arrivare agli stessi livelli dell’estate.

Per cui non resta che andare avanti a forza di metano e di carbone, con quest’ultimo che ha visto la riaccensione di alcune centrali di estrazione dell’energia negli ultimi tempi, visto che la corrente elettrica ed il gas hanno conosciuto dei rincari mostruosi. La colpa è da ricercare nella scarsità di materie prime ed anche di certi componenti.

Rischio blackout, sono tante le problematiche in ballo

Foto dal web

Inoltre bisogna fare fronte alla dispersione della corrente, che deve passare per diversi impianti e finisce con l’essere alquanto instabile. Anche a questo è connesso l’aumento dei costi.

Potrebbe interessarti anche: Bonus acqua potabile, chi può averlo e come richiederlo

Il fatto è che non si riesce a sostituire le fonti di energie vecchie con quelle nuove. Essendo le dinamiche industriali e quelle quotidiane di tutti i giorni in costante espansione, diventa sempre più probabile avvicinarsi ad un rischio blackout.

Potrebbe interessarti anche: Legge 104, c’è un assegno da 700 euro al mese per questa situazione

Potrebbe interessarti anche: Ecobonus moto, come ottenerlo e quanto offre di sconto

Di un rischio blackout si parlava già a dicembre, considerate tutte le problematiche in gioco. Tra le quali anche una diminuzione delle riserve di gas rispetto al 2020. A fine 2021 ci trovavamo a circa il 68% contro l’88% di dodici mesi. È chiaro comunque che le autorità competenti cercheranno di scongiurare per quanto possibile la comparsa di qualsiasi problematica grossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *