Ictus nelle giovani donne: succede molto di più di quanto pensi

L’ictus si manifesta molto spesso nelle giovani donne e non ci si aspetta un’informazione di questo tipo. Ma vediamo i dettagli.

giovane donna
Giovane donna (da Pixabay)

Quando parliamo di ictus o ischemia cerebrale si pensa sempre ad una persona anziana. Infatti, dopo una certa età identificata tra i 55 e i 60, c’è un maggiore rischio che questo avvenga. Ci sono dei fattori come il colesterolo e la glicemia che si alzano, malattie che possono sopraggiungere con l’età. Tuttavia, forse non tutti sanno che un ictus si verifica molto di più in donne giovani.

Le donne spesso non ci pensano, non hanno paura di andare incontro a questa malattia, e la temono molto meno degli uomini. Questi magari hanno uno stile di vita meno sano, ma chi pensa questo si sbaglia. In Brasile i dati raccolti dalle cartelle mediche di numerosi pazienti hanno evidenziato il contrario. Sono molto di più le donne giovani ad essere colpite e ad avere un rischio più alto di mortalità per questo.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Rischio di infarto e ictus: a provocarlo il cibo preferito degli italiani

Anche se apparentemente le donne dai 20 ai 40 anni sono in salute, sono quelle maggiormente vittima di questa malattia. Vediamo qui di seguito gli studi che sono stati fatti, le cause, i sintomi e che cosa fare.

Ictus nelle giovani donne: cause, sintomi e cura

ictus-cerebrale-cattive-abitudini-(1)_optimized
(Foto Adobe Stock)

Secondo uno studio pubblicato sull’American Heart Association i ricercatori si sono concentrati sulle cartelle cliniche di 20.000 pazienti negli anni dal 2001 al 2014. Le donne tra i 25 e i 44 anni sono state quelle più colpite. Sia per l’uomo che per la donna ci sono dei fattori di rischio e questi sono il fumo, l’obesità, lo stile di vita sedentario, l’età. Tuttavia, nelle donne ci sono anche la gravidanza, l’assunzione di contraccettivi ormonali, emicrania con aura.

Il mal di testa, in particolare, può essere un segnale molto chiaro di qualcosa che non va nell’organismo. Infatti, potrebbe dipendere anche da una malformazione del cuore che può generare un ictus. Dunque, che cosa fare per prevenirlo? Ecco i consigli degli esperti:

  • Andare dal medico e raccontare la storia familiare
  • Fare accertamenti clinici periodici sulle malattie che hanno colpito la famiglia
  • Tenere sempre sotto controllo glicemia, colesterolo e pressione
  • Non fumare e non bere
  • Condurre uno stile di vita sano con attività fisica
  • Mangiare in modo equilibrato, più prodotti freschi e meno prodotti industriali

Quando si verifica un ictus, i sintomi non sono sempre gli stessi. Variano da persona a persona perchè dipende dalla grandezza del coagulo che si è formato, dipende se si tratta di un’ostruzione o di una rottura di un vaso sanguigno. In generale si nota una metà del corpo che perde tono, dalla faccia, al braccio alla gamba. Si sente intorpidimento e possono sopraggiungere nausea, vomito, mal di testa, vertigini, vista offuscata, difficoltà nel linguaggio.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Ictus cerebrale: queste cattive abitudini possono rappresentare un rischio

Quando si avverte qualcosa di questo tipo bisogna pensare di fare il test delle braccia: allungate le braccia davanti a voi, se non ci riuscite o se all’improvviso, senza che lo vogliate, un braccio si abbassa da solo, allora c’è un ictus in corso e dovete chiamare i soccorsi.

Impostazioni privacy