Come usare l’aceto per pulire il bagno: consigli pratici

Con l’aceto si possono fare molte cose in casa e si può anche pulire il bagno. Ecco alcuni consigli pratici su come fare.

bagno
Bagno (da Pexels)

Fare le pulizie domestiche non è sempre piacevole. Tuttavia, è utile e necessario farle. Non soltanto perchè in questo modo c’è tutto in ordine per vivere meglio e per eventuali visite, ma anche per una questione di igiene. Molti germi e batteri sono invisibili all’occhio umano ma ci sono e la casa ne è piena anche perchè si portano molti elementi dall’esterno.

Due delle stanze che hanno bisogno di continua pulizia sono la cucina ed il bagno. In questo articolo ci concentreremo sul bagno. Esistono molti prodotti in commercio appositi che riportano proprio la scritta “bagno” sulla confezione. Tuttavia, lo sapete bene, sono tutti prodotti molto aggressivi che possono fare male se inalati o se toccati.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Lavatrice, l’avete mai pulita con l’aceto di mele? Tornerà come nuova!

Ecco perchè vedremo qui di seguito come usare un prodotto naturale che non fa male a nessuno, ma che riesce a garantire una pulizia molto efficace. Si tratta dell’aceto bianco di alcol.

Come pulire il bagno con l’aceto

bagno pulito consigli
pulire il bagno (Adobe Stock)

Con questo prodotto si può veramente pensare a tutto. Qual è la prima cosa che si forma nel bagno? Il calcare naturalmente. Un nemico del calcare è proprio l’aceto. Potete metterlo direttamente sulla spugna e passare nelle parti sporche. Oppure potete creare una miscela da spruzzare da uno spruzzino: 2/3 di aceto e poi acqua calda. Lasciate agire per qualche minuto.

Poi un’altra cosa importante del bagno che si può pulire con aceto è la doccia. Qui c’è sempre una grande quantità di acqua che spesso rimane ferma e crea sporco e anche calcare. Che cosa fare per pulire tutto, dalle piastrelle, alla tenda, al vetro? Naturalmente basta spruzzare aceto e acqua dovunque, lasciare agire per un paio d’ore e poi sciacquare per bene.

Allo stesso modo potete trattare anche le piastrelle dei muri, le ceramiche presenti nella stanza. Se siete preoccupati per l’odore forte che può sprigionare l’aceto vi basterà usare qualche goccia di olio essenziale della fragranza che preferite e il problema sarà già risolto.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Avere un bagno pulito non è un sogno: i consigli per renderlo perfetto

Infine, con l’aceto potete anche togliere la muffa. Questa si forma spesso negli angoli in alto della stanza. Se applicate nella parte interessata del cotone imbevuto con aceto bianco d’alcol e lascerete agire per un po’ di tempo, anche la muffa si arrenderà al potere di questo prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *