La dieta della longevità: ecco come vivere fino a 10 anni in più

Tutte le diete, se efficaci e comprovate, fanno bene alla salute, ma ce ne sono alcune, come ad esempio questa dieta, che influiscono anche sulla longevità. Vediamo in che modo.

alimentazione vita lunga
Legumi (Pixabay)

Vivere in modo sano dovrebbe essere sempre la nostra priorità. E per raggiungere tale obiettivo è di sicuro utile mettere insieme una buona attività fisica con una sana alimentazione.

Per quanto riguarda l’attività fisica ognuno sceglie lo sport che preferisce a seconda di ciò che predilige. Per quanto riguarda la dieta, invece, quella più corretta è meglio che venga indicata e suggerita da un nutrizionista a seconda del fisico e delle esigenze del singolo individuo.

Però può esserti utile sapere che tra le tante diete in circolazione ce n’è una in grado di influire sulla longevità e di farci vivere di più, anche fino a 10 anni. Scopriamo insieme di quale dieta si tratta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> La dieta ideale per dimagrire e affrontare il cambio di stagione

La dieta che può influire sulla longevità

regime alimentare sano
Cereali integrali (Pixabay)

Nonostante l’immortalità non sia alla portata dell’essere umano, ognuno di noi cerca come può di vivere il più a lungo possibile. E uno dei modi migliori per farlo è mangiare bene e stare in forma. Nello specifico, se vogliamo sapere esattamente che cosa mangiare per vivere più a lungo, un recente studio è stato in grado di fornire una risposta.

L’Università di Bergen, in Norvegia, ha infatti analizzato in che modo alcuni alimenti  sono in grado di influenzare la longevità di un individuo. Basandosi su metodi e studi realizzati da alcuni loro predecessori, gli studiosi norvegesi sono giunti alla conclusione che la dieta in grado di far vivere più a lungo (fino a 10 anni in più) è ricca di legumi e cereali integrali, che di solito non si trovano ai primi posti tra gli alimenti consigliati dai regimi alimentari.

Oltre a questi anche il pesce, la frutta e la verdura fanno bene. Altri alimenti, invece, possono essere considerati come “neutri”, nel senso che non sembra abbiano effetti rilevanti su una migliore aspettativa di vita. Tra questi vi sono le uova, le carni bianche e gli oli vegetali. Dopo aver analizzato gli alimenti che in qualche modo possono contribuire ad allungare la vita di un individuo, gli studiosi si sono interrogati sugli anni che il soggetto che decide di seguire questa alimentazione potrebbe guadagnare.

Tutto dipende dall’età in cui si comincia a introdurre questi alimenti. Ad esempio, se questi alimenti vengono introdotti nell’alimentazione a partire dai 20 anni allora si possono guadagnare da 10 a 13 anni in più. Se invece vengono introdotti più tardi, ad esempio a 60, si può vivere fino a 8 anni in più, ecc. Ecco dunque che prima adottiamo questo regime alimentare e prima potremo godere dei suoi benefici. Ma ciò non vuol dire che se interveniamo tardi non potremo godere di alcun effetto benefico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Mirtilli rossi, inserirli nella dieta è fondamentale: riducono il rischio di infarto

Anche gli ottantenni che decidono di cambiare alimentazione adottando la seguente possono vivere fino a 3 anni in più. Bisogna però tenere in considerazione che per ottenere l’effetto desiderato è necessario rimanere costanti nel tempo e seguire questo regime alimentare per almeno 10 anni consecutivi. All’inizio potrebbe essere difficile però direi che il gioco vale la candela no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *