Qual è il posto migliore per conservare lo spazzolino da denti

Vuoi evitare che il tuo spazzolino si riempi di batteri? Ecco qual è il posto migliore dove conservare lo spazzolino da denti.

Dove mettere lo spazzolino
Spazzolino da denti nel bicchiere (Pexels)

Quando parliamo di igiene orale molto spesso pensiamo alla pulizia giornaliera dei denti e delle gengive, senza considerare lo strumento che utilizziamo per fare ciò.

Infatti per garantirci una buona igiene orale è necessario fare attenzione alla pulizia e alla conservazione del nostro spazzolino. In questo articolo vedremo insieme qual è il posto migliore dove conservare lo spazzolino per i denti.

Dove conservare lo spazzolino dei denti?

Per una corretta igiene orale non è opportuno solo spazzolare bene i denti dopo ogni pasto, ma è necessario fare attenzione al mantenimento dello strumento che utilizziamo, ossia lo spazzolino. Ciò perché quest’ultimo, se non conservato bene e in un luogo adatto potrebbe essere veicolo di agenti patogeni e batteri.

Dove tenere lo spazzolino
Spazzolino (Pixabay)

Quindi per iniziare vediamo in che modo e dove conservare lo spazzolino affinché possa essere efficiente per la pulizia dei nostri denti. In primo luogo è necessario pulire lo spazzolino prima di riporlo in verticale, con le setole verso l’alto, in quanto stando in questa posizione l’acqua scivola verso il basso, permettendo le setole di asciugarsi. Quindi basta semplicemente sciacquare lo spazzolino eliminando residui di cibo e dentifricio.

In secondo luogo è necessario che gli spazzolini non siano a contatto con altri spazzolini, per evitare la trasmissione di eventuali batteri. Inoltre è consigliato cambiare lo spazzolino almeno ogni 3 mesi. Tuttavia, in caso di influenza o malattia sarebbe opportuno non aspettare la fine del mese per cambiarlo.

Non è consigliato porre questo strumento per la pulizia orale in un armadietto o un cassetto, in quanto i luoghi chiusi favoriscono la diffusione di batteri. Inoltre è consigliato non porlo nelle vicinanze del lavandino, in quanto potrebbe facilmente essere contaminato da schizzi e sporcizia.

È possibile utilizzare un portaspazzolino, magari singolo, da pulire ogni giorno per evitare che anch’esso possa traferire batteri sullo spazzolino, o porre una copertura sullo spazzolino, che deve essere lavata e asciugata prima di porla su quest’ultimo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Sbiancare i denti grazie al cacao: ecco il metodo approvato dai dentisti

Come disinfettare lo spazzolino

Sebbene basti risciacquare lo spazzolino dopo ogni utilizzo, potrebbe essere utile disinfettare quest’ultimo almeno una volta a settimana.

Meglio spazzolino tradizionale o elettrico
Spazzolini sul tavolo (Adobe Stock)

Uno dei metodi per disinfettare lo spazzolino, è mettere quest’ultimo in ammollo per una notte in un composto formato da acqua tiepida, una goccia di limone e del bicarbonato, oppure tenerlo un’intera notte in ammollo nell’aceto.

È opportuno fare attenzione a risciacquare lo spazzolino prima di utilizzarlo per il lavaggio dei denti. Un altro modo per disinfettare lo spazzolino è mettere quest’ultimo asciutto, nel freezer per tutta la notte.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Salute dei denti: il potere di una spezia del tutto inaspettato

Tuttavia in farmacia sono presenti molti prodotti per disinfettare lo spazzolino, quindi è possibile chiedere al farmacista quale potrebbe essere il migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *