Bonus bollette, 300 euro anche per chi ha ISEE maggiore di 12mila euro

Come fare per ottenere una estensione del Bonus Bollette, che riguarda chi arriva a 12mila euro annui di guadagno. Ora tocca anche a chi a entrate superiori.

Diverse lampadine messe insieme
Diverse lampadine messe insieme (Freepik)

Bonus Bollette, arriva un grosso aiuto da parte del Governo. Le utenze specialmente di corrente elettrica e gas sono arrivate alle stelle, ma anche l’acqua non scherza, con un aumento costante da quattro anni a questa parte. L’esborso che le famiglie italiane devono sostenere è tremendo ed in molti non ce la fanno.

Tanto è vero che ci sono decine di migliaia di casi in cui sia nuclei familiari che imprese sono risultati insolventi, a causa degli enormi esborsi che le utenze salate comportano. Perciò ecco arrivare una mano importante dalle autorità con il Bonus Bollette, della quale potranno usufruire milioni di cittadini e le aziende di medie e soprattutto piccole dimensioni.

Allo scopo di tamponare l’emergenza legata alle bollette salate è stato istituito il Bonus Bollette, che da un ISEE iniziale di 8mila euro fornisce ora assistenza a chi ha guadagni annui massimi per 12mila euro, con l’innalzamento di tale soglia apposta per aiutare un numero maggiore di persone. Ma non è tutto e c’è un altro grosso sostegno.

Potrebbe interessarti anche: Bonus 2022, come fare per averli anche con ISEE alto

Bonus Bollette, il grosso intervento per tante famiglie

Una donna consulta le bollette
Una donna consulta le bollette (Freepik)

Infatti anche chi guadagna più di 12mila euro all’anno si trova in difficoltà per colpa delle bollette salate. E stavolta l’intervento è a livello più localizzato, visto che vede come fornitore di un ottimo beneficio una Regione specifica. Si tratta del Lazio, che ha deciso di donare a tutti coloro che risiedono entro il proprio territorio un bonus di 300 euro contro il caro bollette.

Potrebbe interessarti anche: Detrazioni sull’assicurazione, spettano oltre 500 euro in questi casi

I destinatari sono tutti coloro che rientrano in un ISEE massimo di 35mila euro. E che vengono ricavati modificando l’Irpef regionale. La scelta del Lazio è importante anche perché va a tamponare in qualche modo anche la crisi pandemica sempre attuale, con proprio il Lazio stesso che risulta tra le zone più colpite ad oggi in Italia.

Potrebbe interessarti anche: Bollo auto a rate, come fare per procedere con un pagamento frazionato

Sulla stessa scia dovrebbero comportarsi anche le altre Regioni italiane, con il medesimo provvedimento oppure con altri interventi. I quali risulteranno importanti allo stesso modo per aiutare le famiglie più esposte al pericolo insolvenza a riuscire a pagare per i propri consumi domestici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *