Bonus 2022, come fare per averli anche con ISEE alto

Ci sono delle situazioni per le quali i bonus 2022 previsti per quest’anno non richiedono una barriera rappresentata dal reddito. Cosa bisogna sapere.

Delle banconote da cento euro
Delle banconote da cento euro (Pixabay)

Bonus 2022, ce ne sono tanti e diversi tra questi consentono di potervi accedere anche se si dichiara un ISEE elevato. Di norma i provvedimenti concepiti dal Governo hanno lo scopo di aiutare le fasce sociali più deboli, che si caratterizzano per un basso reddito. Per loro quindi ecco predisposti aiuti per potere pagare generi di prima necessità, bollette, acquisti di medicinali e quant’altro.

Non tutti i bonus 2022 saranno però riservati ad uso e consumo dei meno abbienti. Ci sono alcuni sussidi dello Stato liberamente accessibili anche da coloro che invece dichiarano entrate annue nella norma per quanto riguarda la possibilità di condurre una esistenza dignitosa.

C’è da dire che anche quando si hanno delle difficoltà, l’ISEE può risultare per qualche motivo alto. Ma questo non precluderà comunque l’accesso ai bonus 2022, previsti per quest’anno con alcuni cambiamenti importanti tra l’altro. Come nel caso dell’assegno unico universale.

Potrebbe interessarti anche: Contributi INPS, come avere un anno gratis per andare in pensione

Bonus 2022, quali sono quelli che non richiedono ISEE basso

Un portafogli con banconote e delle posate accanto
Un portafogli con banconote e delle posate accanto (Pixabay)

Certo, come regola un ISEE più è basso e più garantisce aiuti economici e sovvenzioni corpose. Proprio nel caso dell’assegno unico infatti, c’è una erogazione di fondi mensili inversamente proporzionali ai guadagni annui dichiarati. Questo bonus può essere richiesto anche senza presentare l’ISEE, ma così facendo si finisce automaticamente nell’ultima fascia, che si caratterizza per un aiuto minimo dal punto di vista economico.

Tornando all’ISEE ed ai motivi che lo fanno innalzare, contribuiscono a tutto ciò il totale del patrimonio mobiliare e quello del patrimonio immobiliare, oltre alla situazione che riguarda il proprio nucleo familiare. Naturalmente il reddito annuo indicato può variare verso l’alto ma anche verso il basso, al cambiare di determinate situazioni.

Potrebbe interessarti anche: Sconti in bolletta, partono da adesso: come fare per averli

Tornando all’assegno unico universale, anche con un reddito di più di 40mila euro all’anno è possibile accedervi. E la stessa cosa consente anche il Bonus Asilo Nido. A prescindere da quanto si guadagna all’interno di una famiglia nel corso dell’anno di riferimento, la legge prevede indistintamente per tutti l’accesso a questa e ad altre misure.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Pasqua 2022, come ottenerli e cosa possiamo comprare

Per saperne di più si consiglia di richiedere un consulto ad un patronato CAF, che saprà dare assistenza e spiegazioni su tutte quelle che possono essere le possibilità per trarne un vantaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *