Come i social network possono influire sul benessere degli adolescenti

I social network al giorno d’oggi sono lo strumento di comunicazione più utilizzato dagli adolescenti (e non solo), però non sempre influiscono positivamente sul loro benessere. Lo rivela uno studio.

social influenza stato d'animo
Ragazzo sui social network (Pixabay)

I social network hanno cambiato la modalità con cui interagiamo con gli altri e con il mondo esterno. Primo fra tutti Facebook, nato nel 2004, che ha fatto il “botto” per numero di iscritti e interazioni, al quale è seguito Instagram, Twitter, Tik Tok e molti altri ancora.

Ma si può considerare una modalità positiva? E in che modo questi strumenti sono in grado di influire sul benessere del singolo individuo? Un recente studio del Regno Unito ha indagato sulla questione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Whatsapp e social, le conversazioni private possono costarci carissimo

Il ruolo dei social network sul benessere degli adolescenti

Secondo lo studio inglese, i ragazzi e le ragazze potrebbero essere maggiormente vulnerabili agli effetti negativi che l’uso dei social network può portare in varie fasi della loro adolescenza. Dallo studio, realizzato dalle università di Cambridge e Oxford, e pubblicato sulla rivista Nature Communications, è emerso che le ragazze sperimentano un legame negativo tra la soddisfazione per la vita e l’utilizzo dei social network all’età di 11-13 anni e i ragazzi all’età di 14-15 anni. In entrambi i casi ciò avviene anche durante i 19 anni.

telefono negativo ragazzini
Bambini che utilizzano i social network (Pexels)

Questo potrebbe essere determinato dal fatto che la sensibilità all’uso dei social è strettamente connessa ai cambiamenti che si verificano in fase di sviluppo. Che nei ragazzi si manifestano più tardi rispetto alle ragazze. Si tratta dunque di un legame complesso quello che si viene a creare tra benessere mentale e social media. Questo è quanto ha affermato Amy Orben, la ricercatrice che ha condotto lo studio. Secondo lei alcuni cambiamenti che interessano il nostro corpo, come la pubertà o lo sviluppo del cervello, sono in grado di indebolirci in alcune fasi della nostra vita. Non c’è però una fascia d’età in cui siamo più esposti a questi strumenti. Ecco perché è sempre bene riflettere sull’uso che ne facciamo.

Dallo studio è anche emerso che alcuni adolescenti sono in grado di utilizzare al meglio i social network rispetto ad altri loro coetanei, poiché in grado di trarre vantaggio da essi. Altri invece ne vengono danneggiati. Nonostante gli studi, non si è ancora riusciti a capire il tempo che gli adolescenti trascorrono dietro ai social e il ruolo che questi hanno sul loro benessere. Ma oltre al tempo a loro dedicato, è importante cercare di capire in che modo i social vengono utilizzati. Poiché un uso improprio di questi strumenti può portare a conseguenze anche gravi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Fake news, attenti a questa assurda bufala social sul gas | FOTO

Il team di ricerca ha quindi cercato di stabilire una relazione tra l’uso stimato dei social e la soddisfazione di vita riportata. Ed è emerso che la soddisfazione della propria vita diminuisce in proporzione all’aumento del tempo dedicato ai social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *