Complimenti ai figli: bisogna farli “bene”

Complimenti ai figli, bisogna farli “bene”: il duro mestiere del genitore prevede anche attenzioni a cui potremmo non pensare subito

Ruolo genitore
Mamma e figlia piccola (Pixabay)

Il duro difficile di genitori spesso ci può mettere faccia a faccia con dei compiti che non ci saremmo aspettati. Oggi parliamo di una questione che può apparire paradossale: è normale infatti, per dei genitori orgogliosi, lodare i propri figli. Eppure la cosa potrebbe essere non sempre producente, se fatta male. Approfondiamo l’argomento.

Ti potrebbe interessare anche->Cottura della pasta: le regole base della cucina

Complimenti ai figli, in che modo bisogna lodarli? il mestiere del genitore

Complimenti figli
Figlio (Pixabay)

In maniera impensabile, anche i complimenti ai figli possono far male. Che d’altra parte il mestiere dei genitori non sia facile, nessuno lo ha mai nascosto. E’ come camminare in una stanza piena di cristalli: ovunque ci muoviamo, il rischio è di calpestare, rompere, fare e farci male. Come fare quindi? Oggi ci occuperemo di un argomento paradossale: dobbiamo stare attenti a come lodiamo i nostri bambini perché dei complimenti fatti in maniera “errata” possono far del male all’autostima dei nostri figli.

Ti potrebbe interessare anche->Aumenti stipendi docenti, i sindacati: “Si a 274 euro al mese in più”

In che modo un complimento può esser fatto in maniera sbagliata? La risposta è semplice: stimolando, nei bambini, un senso di competizione insano. Dire ad un piccolo o ad una piccola che è migliore di qualcuno, o è la migliore in un gruppo, vuol dire che questa svilupperà un senso di competizione e superiorità che, nella vita, potrebbe portarlo a stare male. Un bambino così lodato ha buone probabilità di diventare un adulto in costante competizione col mondo esterno.

Ugualmente succede per lodi eccessive. Un bambino costantemente lodato non saprà perdonarsi, da grande, nessun fallimento. E si sa, nella vita fallire è quasi una parte normale del proprio processo di vita. Non saper fare i conti con i normali errori che si faranno nel processo di crescita, vuol dire essere destinati a soffrire.

Come lodare i propri bambini? piuttosto che sulla loro natura, concentriamoci sull’azione fatta. Non dispensiamone inoltre troppo generosamente: o questi perderanno di signficato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *