Nausea, reflusso, gonfiore, sonnolenza: i rimedi ai disturbi post-pasto

Dopo aver mangiato si possono provare diversi disturbi, nausea, reflusso, bruciori, sonnolenza o gonfiore: i rimedi post–pasto per trovare sollievo.

nausea dopo mangiato rimedi
Uomo stressato con senso di nausea (Unsplash)

Dopo aver mangiato si possono provare diversi disturbi, come nausea, reflusso gastrico, bruciori, sonnolenza o gonfiore: i rimedi post –pasto per trovare sollievo. Come al solito, dipende da quello che si mangia, dalle quantità che si consumano e anche dal modo di mangiare. I fastidi appena elencati possono insorgere per svariati motivi, e protrarsi anche nel tempo. È tutta una questione di corrette abitudini, che spesso tendiamo a dimenticare.

Uno dei sintomi più comuni, dopo aver mangiato, è il senso di nausea. Questa può insorgere per cause diverse, come ad esempio reflusso, ulcera allo stomaco, blocco intestinale, oppure per un’infezione batterica o virale. La nausea, che spesso sfocia nel vomito, può essere connessa ad altri sintomi di disagio, come debolezza, senso di pesantezza, gonfiori e sonnolenza. Come affrontarla?

Potrebbe interessarti anche → Rimedio per una vita sedentaria: stare in piedi 2 minuti ogni ora può aiutare

Rimedi naturali ai disturbi legati al pasto

sintomi rimedi disturbi pasto gonfiore reflusso
Nausea e vertigini dopo il pasto (Unsplash)

Si tratta di un fastidio che colpisce tante persone, nella maggior parte dei casi non è nulla di allarmante e si può risolvere con i giusti rimedi. Tuttavia, sonnolenza, senso di gonfiore, difficoltà a digerire, bruciori di stomaco, acidità, reflusso gastrico e senso di affaticamento, sono davvero fastidiosi. Ciò è determinato da abitudini scorrette e da una dieta poco sana.

Mangiare troppo e troppi cibi grassi, oppure mangiare velocemente, sono abitudini da evitare. Di rimedi funzionali a tali disturbi ce ne sono diversi. Ad esempio, non bisogna bere troppo a tavola, ma sorseggiare soltanto. Bisogna bere tanto ma lontano dai pasti. Inoltre, meglio bere acqua tiepida, a temperatura ambiente, e mai troppo fredda.

È consigliato bere tè verde prima dei pasti, per digerire meglio, oppure acqua e zenzero, sempre mezz’ora prima di mangiare. Lo zenzero va bene anche consumato fresco, aiuta a digerire e contrasta il senso di nausea. Ma non è tutto, meglio evitare cibi dal sapore troppo intenso e scegliere alimenti dal sapore leggero e dall’odore non troppo forte per non incorrere in disturbi post pasto.

Potrebbe interessarti anche → Masticare le foglie di origano: proprietà, benefici, controindicazioni

Tra le abitudini corrette c’è sicuramente quella di mangiare lentamente, senza strafogarsi, masticando per bene. Inoltre, cibi secchi, tipo pane tostato o crackers, aiutano a risolvere i vari disturbi, e così riso bianco e patate. Tali rimedi dovrebbero risolvere gran parte dei disturbi associati alla tavola. Se, in particolare, il senso di nausea è forte e costante nel tempo, e magari è accompagnato da difficoltà respiratorie o da mal di testa, potrebbe essere sintomo di gastrite, e non solo. A quel punto, meglio recarsi dal medico per capire di cosa si tratti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *