Bonus Mobili 2022, come sfruttare il 50% di detrazione e su quali spese

Il Bonus Mobili 2022 mette a disposizione una grossa opportunità per potere ricevere un ritorno importante sugli esborsi effettuati, quali uscite copre.

Una cucina moderna
Una cucina moderna (Pixabay)

Bonus Mobili 2022, sono in tanti ad avere avanzato richiesta di accesso per ottenere le importanti agevolazioni messe a disposizione da questo provvedimento. Lo stesso riguarda anche l’acquisto eventuale di elettrodomestici, e ci sono dei paletti ben precisi da rispettare.

Le motivazioni che stanno alla base del Bonus Mobili 2022 sono diverse. Si va dalla volontà di rilanciare il settore dell’edilizia (lo stesso è infatti accessibile solo in caso di lavori nella propria abitazione, n.d.r.) a quello di dare propulsione all’installazione di impianti di ottimizzazione energetica per ridurre gli sprechi e l’impatto ambientale.

Nel Bonus Mobili 2022 rientra l’acquisto di mobilia e di elettrodomestici che siano esclusivamente nuovi. Esiste anche una data di riferimento entro il quale dovere necessariamente rientrare e compiere la relativa spesa per potere usufruire di questo sussidio. È il 31 dicembre 2024. C’è quindi ancora diverso tempo.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Mobilità, un mese di tempo per avere fino a 750 euro di rimborso

Bonus Mobili 2022, come si applica la detrazione e su quali spese

Un salotto arredato
Un salotto arredato (Pixabay)

Le agevolazioni fornite dal Bonus Mobili 2022 riguardano delle vantaggiose detrazioni Irpef pari alla metà della spesa sostenuta. Gli elettrodomestici acquistati dovranno rispettare i seguenti criteri:

  • forni di classe A o superiore;
  • lavatrici, lavasciugatrici e lavastoviglie di classe E;
  • frigoriferi e i congelatori di classe F;

In contemporanea devono esserci stati degli interventi di edilizia per ristrutturare la propria casa e che devono risalire dal 1° gennaio in avanti per tutto l’anno che precede l’acquisto degli elettrodomestici. Oppure di mobilia tra la seguente:

  • armadi;
  • cassettiere;
  • comodini;
  • credenze;
  • divani;
  • lampade e lampadari;
  • letti;
  • librerie;
  • materassi;
  • poltrone;
  • scrivanie;
  • sedie;
  • tavoli;

Potrebbe interessarti anche: Bonus Baby sitter, quanto offre ed a chi spetta: si ottiene così

Il bonus può essere utilizzato per l’acquisto di scrivanie, tavoli, sedie,  poltrone, , materassi, così come apparecchi per l’illuminazione. Non rientrano nelle spese detraibili le spese per porte, pavimentazioni, tende e tendaggi e altri complementi di arredo.

Potrebbe interessarti anche: Sconto bollette, puoi ottenerlo subito: averlo è molto facile

C’è un limite massimo di spesa pari a 10mila euro se in riferimento al 2002, e di 5mila euro per il 2023 ed il 2024. Su quanto viene speso va applicata una detrazione pari al 50%. E se le ristrutturazioni hanno avuto luogo nell’anno prima dell’acquisto di mobili ed elettrodomestici, il limite di spesa va considerato al netto delle spese nell’anno prima in cui si è ottenuta la detrazione relativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *