Camminare in montagna e tutti i benefici sulla salute

È appurato che camminare fa bene, ma quando si tratta di camminare in montagna i benefici possono essere ancora maggiori. Scopriamo insieme perché.

escursioni montagna fattori positivi
Camminate in montagna (Pixabay)

Camminare è un’attività semplice e adatta a tutti. D’altronde possiamo dire che è da una vita che camminiamo, dato che si tratta di una delle prime cose che impariamo a fare da piccoli e che ci permettono di stare al mondo.

Camminare però non serve solamente per spostarci e per andare da una parte all’altra, perché può apportare molteplici benefici all’organismo. Si tratta infatti di un vero e proprio toccasana per la salute, in grado di stimolare sia la mente che il corpo. Basti pensare che camminare anche solo un’ora al giorno ci permette di prevenire disturbi fisici, oltre ovviamente a tenerci in forma.

E cosa possiamo dire sul fatto di camminare in montagna? Si tratta di uno step successivo, ecco perché i benefici sono maggiori rispetto al semplice fatto di camminare per le vie della nostra città. Vediamo insieme quali sono.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Camminare, la strada per la salute: ecco tutti i benefici

I benefici di camminare in montagna

fare trekking attività salutare
Amici che fanno trekking (Pixabay)

Tra i benefici della camminata vi sono la regolazione del ritmo cardiaco e della pressione, ma anche il miglioramento della capacità cardiocircolatoria, così come dei livelli di colesterolo e del funzionamento cardio-polmonare. Ma non solo. Camminare permette di potenziare i muscoli, ma anche di rafforzare articolazioni e ossa. Questi sono solamente alcuni dei benefici che questa attività può portare al nostro organismo, ne puoi scoprire altri leggendo l’articolo Camminare: i benefici cambiano a seconda del momento della giornata.

Ma il fatto di camminare in montagna ci offre qualcosa in più. Ci permette di metterci alla prova e di farci andare anche al di là dei nostri limiti. Prima di una qualsiasi camminata in montagna, infatti, ci poniamo un obiettivo, ossia arrivare in un determinato punto o luogo impiegando un tempo ben preciso. A volte riusciamo a rispettare i nostri obiettivi, a volte no. Ma in tutti i casi camminare in montagna ci riserva grandi soddisfazioni, perché anche il solo fatto di averci provato ci fortifica e contribuisce a “temprare” il nostro carattere.

Ogni camminata in montagna ci offre dunque la possibilità di metterci in gioco e di misurare la nostra forza e resistenza, confidando solamente sulle nostre possibilità. E se non riusciremo a raggiungere la vetta la prima volta, ce la faremo la volta successiva o quella dopo ancora. Non importa quando ma come. Con la perseveranza sicuramente riusciremo a raggiungere qualsiasi obiettivo, che sia la vetta di una montagna o qualsiasi altra soddisfazione personale. E tutto ciò agisce di conseguenza anche sulla nostra autostima, migliorandola passo dopo passo.

Il senso di sublime che la montagna è in grado di suscitare

senso sublime natura
Il Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich (Pinterest – artesvelata.it)

Oltre a tutti questi aspetti, la montagna offre un panorama ineguagliabile. Dunque, anche se non riusciremo a raggiungere la cima, verremo comunque ripagati da tutto ciò che si staglia di fronte a noi. E tutto ciò provoca in noi un senso di sublime, che si manifesta ogni volta che ci troviamo a osservare la maestosità della natura, che ci rende di colpo piccoli e insignificanti di fronte a qualcosa di ben più grande.

Lo diceva anche Immanuel Kant parlando di Friedrich, primo pittore romantico tedesco, che con la sua opera Viandante sul mare di nebbia riesce a illustrare bene la condizione di fronte alla quale ci troviamo ogni volta che osserviamo la maestosità della natura. E tutto questo non può che farci provare un inimitabile senso di pace interiore e di libertà.

Solo per quest’ultimo aspetto vale la pena camminare in montagna. Pensiamo poi al fatto che andremo a respirare aria pulita e che ci disintossicheremo dall’inquinamento cittadino. E non parlo solo dello smog, ma anche di tutti i suoni e rumori che ogni giorno ci investono e ci annebbiano il cervello. Sto parlando dell’inquinamento acustico, che insieme ad altri tipi di rumore, può avere effetti dannosi sulla nostra salute.

Cosa stai spettando quindi? Procurati degli scarponi, uno zaino, delle bacchette e vai in montagna. Là tutte le tue preoccupazioni spariranno grazie ai panorami mozzafiato che la natura è in grado di offrire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd