Rimborso colf e badanti, come fare per avere fino a 300 euro

In cosa consiste il rimborso colf e badanti e cosa bisogna fare per potervi avere accesso. Ci sono dei requisiti precisi ed una data di scadenza da rispettare.

Una donna assiste un disabile
Una donna assiste un disabile (Pixabay)

Rimborso colf e badanti, di cosa si tratta ed in che modo possono usufruirvi coloro che risultano compatibili con tale misura. La quale mette a disposizione dei rimborsi molto vantaggiosi, con un importo massimo fino a 300 euro a seconda delle situazioni.

C’è un aspetto specifico che riguarda i cittadini di nazionalità ucraina che lavorano in Italia svolgendo queste professioni. Il rimborso colf e badanti è rivolto specificamente a loro, la cui comunità nel nostro Paese è molto folta. Ed è coinvolto in maniera diretta anche Cas.sa Colf, che riunisce tutti i sindacati e le associazioni di riferimento, che condividono tutti quanti quel che è previsto dall’apposito Contratto Nazionale del Lavoro.

Il rimborso fino a 300 euro messo in preventivo dal Bonus Colf e badanti ucraini riguarda i soggetti che risultino regolarmente iscritti alla cassa. E che in questo periodo si trovino ad ospitare in casa loro dei parenti profughi dall’Ucraina, inclusi fino al terzo grado di legame (oppure affini fino al secondo grado, n.d.r.).

Potrebbe interessarti anche: Bonus Casalinghe 2022 requisiti, come richiederlo all’INPS

Rimborso colf e badanti, come fare domanda e chi può averlo

Un individuo spinge una persona su una sedia a rotelle
Un individuo spinge una persona su una sedia a rotelle (Pixabay)

La cifra messa a disposizione fa riferimento alle uscite extra necessarie per l’acquisto di medicinali, alimentari, materiale per la scuola e vestiario vario. L’importo è vincolato al numero di persone ospitate in casa e può essere erogato una sola volta.

Su come fare domanda per ricevere il Bonus colf e badanti ucraini è possibile inoltrare l’apposita richiesta fino al 1° maggio 2022. Un requisito obbligatorio per poter procedere è quello di avere versato a Cas.sa.colf i pagamenti per i precedenti due trimestri che precedono quello in cui avviene l’inoltro di fruizione al sussidio.

Potrebbe interessarti anche: Esenzione ticket per reddito, come averla ed a chi spetta: le spese coperte

È possibile richiedere informazioni ai seguenti recapiti, sia telefonici che mail:

  • numero verde 800 1000 26;
  • www.cassacolf.it;
  • inoltro domande da parte dei lavoratori: praticheucraina@cassacolf.it;

Potrebbe interessarti anche: Assegno Unico 2022 pagamenti, come avere importi maggiori

Per finire, è ufficiale anche l’allargamento da parte proprio di Cas.sa.Colf dei termini di adesione alle prestazioni previdenziali per lavoratori non più autosufficienti, dai precedenti 67 anni ai 70. Per quella che rappresenta una ulteriore ed importante forma di tutela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *