La felicità si allena, gli esercizi per tornare a sorridere non si fanno in palestra

La felicità si allena, gli esercizi per tornare a sorridere non si fanno in palestra ma partono da molto più lontano: ecco come fare

La felicità viene dall’esterno? come fare ad essere felici?  Spesso ci chiediamo queste domande ma la risposta è ancora una sola: non esiste una risposta definita e precisa a questo quesito. Dobbiamo imparare una prima cosa: la felicità dipende in primo luogo solo da noi stessi.

Ti potrebbe interessare anche->Un Posto al Sole, anticipazioni del 15 aprile 2022: Niko sconvolto da Micaela

La felicità si allena, ecco gli esercizi per sorridere ancora

Piccoli momenti
Ragazza che legge al parco (Pixabay)

La felicità si allena; in condizioni normale, dove per condizioni normali si intendono condizioni non patologiche, dove non intervengono condizioni depressive o neurologiche particolari,  possiamo abituarci ad essere felici, poco a poco. Se vi sembrerà strana una frase del genere, allora probabilmente dovreste realizzare che il vostro assetto mentale è quello sbagliato. Infatti molto spesso noi imputiamo la causa della nostra infelicità all’esterno: se guardassimo da un po’ più vicino, ci renderemmo conto che invece la causa non è solo esterna. Diciamola meglio: è ovvio che se ci capita una cosa brutta siamo tristi. Ma molto della nostra reazione e del nostro umore dipende da noi: proviamo a mantenere un assetto positivo, e i pesi sembreranno essere molto meno pesanti rispetto a quelli che realmente sono.

Ti potrebbe interessare anche->Divieto di circolazione, blocco totale per questi veicoli senza un dispositivo

Proviamo inoltre a mantenerci gentili, solari. Se rivolgiamo a qualcuno parole gentili, non solo faremo più felice un’altra persona, ma saremo anche molto più felici noi in prima persona. Cerchiamo inoltre di parlarci sempre in modo estremamente gentile, di concederci le cose che maggiormente ci piacciono, le nostre coccole preferite.

La prima regola per essere felici è inoltre quella di sviluppare la nostra legittima stranezza. Proporci come modelli persone esterne, o mete irraggiungibili, non farà che renderci molto tristi. Non possiamo violare la nostra natura o diventare quello che non siamo. Se solo lavorassimo sul nostro potenziale ci scopriremmo come persone pienamente soddisfatte e piene di luce.

Insomma, trova da te la tua formula personale per essere felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *