Funghi: i 7 potenziali benefici e perché inserirli nella dieta

Dei funghi se ne parla sempre poco ma in realtà hanno molti benefici da offrire: ecco quali sono i principali sette e perché inserirli nella dieta.

perché mangiare funghi
Funghi (Unsplash)

I funghi sono un importante alimenti, in quanto sono poveri di calorie e forniscono una ricchezza di macro e micronutrienti. In particolare vitamine del gruppo B, selenio, zinco e rame. Le vitamine del gruppo B sono importanti nella produzione di energia nelle cellule, il selenio è un potente antiossidante, mentre lo zinco e il rame sono essenziali per un forte sistema immunitario.

È chiaro che i funghi interi che si mangiano crudi o che si cucinano per usarli nelle ricette apportano benefici per la salute:

  1. Sostengono l’immunità e la salute delle ossa;
  2. Promuovono la salute dell’intestino;
  3. Fanno bene alla pressione sanguigna;
  4. Sono collegati alla prevenzione del cancro;
  5. Promuovono la longevità;
  6. Aumentano la salute del cervello;
  7. Alcuni funghi psicoattivi possono essere usati in trattamenti per le condizioni di salute mentale.

Ti potrebbe interessare anche >>> Fesa di tacchino con funghi misti: un ottimo secondo piatto

Perché inserire i funghi nella dieta: i 7 benefici nel dettaglio

funghi e salute
Salute intestino (Pixabay)

1. Sostengono l’immunità e la salute delle ossa

Quando sono esposti ai raggi UV, i funghi generano vitamina D. Non ci sono molte fonti alimentari, specialmente fonti vegetali, di vitamina D. Essa gioca un ruolo incredibilmente cruciale nella salute del sistema immunitario e delle ossa: supporta la funzione muscolare, riduce il rischio di cadute e può avere proprietà anticancro, antidiabete e protettive per il cuore.

2. Promuovono la salute dell’intestino

L’intestino contiene trilioni di batteri, e consumare funghi può aiutare a popolare il tuo tratto gastrointestinale con il giusto equilibrio di batteri per mantenerlo sano e rafforzare il sistema immunitario. I funghi contengono prebiotici, che sono i nutrienti di cui si nutrono i probiotici. Pertanto, i prebiotici dai funghi possono aiutare la crescita di questi batteri benefici. I probiotici sono microrganismi vivi, o batteri, che possono avere benefici per la salute del corpo, in quanto aiutano la digestione e producono nutrienti.

3. Favoriscono la pressione sanguigna

Un elemento importante all’interno dei funghi è il potassio. Esso aiuta a controllare la pressione sanguigna contrastando gli effetti del sodio e migliorando la funzione dei vasi sanguigni. I benefici per la salute del cuore non si fermano qui. I funghi possono anche aiutare a migliorare i livelli di colesterolo e trigliceridi e ridurre l’infiammazione.

4. Sono stati collegati alla prevenzione del cancro

In una meta-analisi di 17 studi in Advances in Nutrition pubblicato nel settembre 2021, si è scoperto che le persone che assumevano più funghi avevano un rischio inferiore del 34% di avere il cancro rispetto a quelli che ne mangiavano meno, soprattutto nel caso del cancro al seno. I funghi sono ricchi di antiossidanti, in particolare ergotioneina e glutatione, che possono proteggere le cellule dai danni.

5. Possono promuovere la longevità se sostituiti alla carne rossa

I funghi aggiungono un sapore saporito e carnoso ai cibi. Sono l’estensore perfetto da aggiungere al posto o in aggiunta alla carne in tante ricette. Nell’ambito di un ampio studio prospettico di coorte pubblicato nell’aprile 2021 su Nutrition Journal, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti allo studio che consumavano una porzione di funghi al giorno rispetto a quelli che consumavano una porzione di carne lavorata o rossa, avevano un rischio inferiore del 35% di morte per qualsiasi causa.

La possibile ragione è che oltre a contenere quegli antiossidanti ergotioneina e glutatione, i funghi sono anche a basso contenuto di calorie, sodio e grassi e contengono molte fibre.

Ti potrebbe interessare anche >>> La dieta della mela: come perdere 3 chili in 5 giorni

6. Possono aumentare la salute del cervello

Una dieta sana è importante per un cervello che invecchia, e i funghi possono farne parte. In uno studio su 663 adulti di 60 anni e più a Singapore, coloro che hanno riferito di consumare più di due porzioni di funghi a settimana avevano il 57% di probabilità in meno di sviluppare MCI rispetto a quelli che li mangiavano meno spesso di una volta a settimana. Una possibile ragione per le loro proprietà di protezione cognitiva è l’ergotioneina, che non è solo un antiossidante ma ha anche proprietà antinfiammatorie, entrambe le quali possono proteggere dai danni neuronali.

7. Alcuni funghi psicoattivi possono essere usati in trattamenti per le condizioni di salute mentale

Si parla molto di usare la psilocibina, un composto allucinogeno che si trova nei “funghi magici”, come trattamento psichedelico per condizioni come la depressione e il PTSD (disturbo post-traumatico da stress). E, se fatte sotto attenta supervisione, queste terapie hanno qualche promessa: in un piccolo studio (59 persone) pubblicato sul New England Journal of Medicine nell’aprile 2021, un trattamento di sei settimane con psilocibina è risultato efficace quanto un antidepressivo standard, per alleviare la depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *