Plogging, la versione del running che è amica dell’ambiente

Plogging, la versione del running che è amica dell’ambiente per fare del bene all’esterno mentre si fa del bene a noi stessi

Rifiuti ambiente
Plastica (Pixabay)

Se volete fare bene all’ambiente continuando a prendervi cura di voi, c’è l’attività che fa al caso vostro. Viene dal nord europa e  coniuga insieme queste due esigenze. Si chiama plogging, ed è un attività verde alla portata di tutti, che vi farà stare bene con voi stessi e col mondo che avete attorno. Bando alle ciance, vediamo di che si tratta.

Ti potrebbe interessare anche->Millefoglie di colomba super golosa: farà impazzire tutti

Plogging, la versione del running che è amica dell’ambiente

Ambiente da tutelare
Parco (Pixabay)

Le strade per l’amore sono infinite. E se è vero per tutti i tipi di amore, è vero anche per l’amore che si può provare nei confronti dell’ambiente che è un sentimento che davvero tutti dovremmo provare. Infatti, come a dimostrazione di quanto appena detto, si trova sempre un nuovo modo per fare del bene al mondo che ci sta attorno, se davvero vogliamo farlo. Oggi non vogliamo però parlarvi delle regole di base, quelle che tutti si saranno sentiti dire almeno una volta, ma qualcosa di più ampio, più vario. Ossia non siamo qui per dirvi che dovrete spegnere l’acqua mentre lavate i denti e di fare la differenziata, ma vi parleremo di una nuova tendenza che viene dai paesi nordici.

Ti potrebbe interessare anche->Alimenti adatti per chi soffre di Ipotiroidismo: dal pesce al latte

Avete mai sentito parlare del plogging? Dietro un nome cos particolare si nasconde una pratica che farà bene da morire al nostro ecosistema e soprattutto anche a noi, che non fa mai male! Il plogging è infatti una versione più green del running. Si tratta di correre nei parchi e nelle aree verdi, non diversamente da come faremmo di solito, e nel mentre raccogliere tutti i rifiuti, che troviamo sulla via. Quando vediamo una cartaccia, indirizziamo lì la nostra corsa, facciamo uno squat per raccoglierla e mettiamola nel secchio che ci siamo portati dietro. Quando abbiamo riempito la nostra busta buttiamola, e procediamo con una busta vuota. Attenzione a non riempire troppo la busta perché potrebbe rompersi e fate sempre cambio di braccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *