Supplemento di pensione, a chi spetta e come fare per averlo

Tutto quel che c’è da sapere in materia di supplemento di pensione. Come si calcola, in che modo va fatta la domanda e chi può ottenerlo.

La sede dell'INPS
La sede dell’INPS (Foto ANSA)

Supplemento di pensione, cos’è e come si fa ad averlo? Ci pensa l’INPS a concederlo e riguarda in pratica quella che è una maggiorazione in piena regola che viene applicata alla pensione stessa, a prescindere dalla tipologia della stessa.

Per cui il supplemento di pensione interessa tanto la consueta pensione quanto quella supplementare o derivata da un assegno di invalidità, per soggetti che continuano comunque a lavorare ed al tempo stesso a versare tutti i contributi necessari.

Il calcolo del supplemento di pensione avviene tenendo in considerazione i contributi stessi versati da quando si ha avuto il diritto a percepire la pensione e la tipologia di trattamento in questione. C’è un vincolo temporale da tenere in considerazione per ottenere questa prestazione previdenziale dall’INPS.

Infatti è necessario che siano trascorsi almeno cinque anni da quando si è andati effettivamente in pensione (oppure due anni nel caso di iscrizione alla gestione separata, n.d.r.). Per avanzare richiesta per ricevere il supplemento bisogna presentare domanda all’INPS attraverso i contatti ufficiali dell’Ente, rappresentati dal sito web e dall’assistenza telefonica.

Potrebbe interessarti anche: In pensione a 40 anni, come riuscirci grazie al Metodo FIRE

Supplemento di pensione: calcolo, chi ne ha diritto, domanda all’INPS

Il logo dell'INPS
Il logo dell’INPS (Foto ANSA)

Per ricevere maggiori informazioni e tutto l’aiuto necessario è anche consigliato rivolgersi ad un patronato CAF. Se la domanda dovesse essere accolta, il supplemento alla normale pensione verrà erogato già a partire dal mese successivo al via libera ottenuto.

Potrebbe interessarti anche: Libretti Postali, se ne hai uno puoi avere fino a 30mila euro subito

C’è anche da dire che la misura suppletiva è differente a seconda del trattamento e dei contributi del caso. Le anzianità contributive prima del 1° gennaio 2012 fanno riferimento alla liquidazione della pensione, mentre dopo tale data fa da punto di riferimento il sistema di calcolo contributivo.

Potrebbe interessarti anche: Naspi 2022, c’è la cumulabilità con l’Assegno unico universale?

Risulta chiaro che la condizione di supplemento pensionistico riguarda chi è andato in pensione ma continua comunque a lavorare versando i relativi contributi. Come detto, il tutto scatta solo dopo 5 anni in cui sussiste tale condizione, o due anni se con la Gestione Separata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *