Esposizione al sole, quando è meglio evitare? alcuni farmaci possono far male

Esposizione al sole, quando è meglio evitare? i farmaci possono far male in quanto possono provocare delle reazioni con i raggi uva

Sole evitare
Uomo che prende il sole (Pixabay)

Ci dicono tutti e continuamente che stare al sole non può che farci bene ma la realtà è un po’ diversa. Ci sono delle situazioni infatti in cui l’esposizione al sole andrebbe diversamente regolata: ecco i perché

Ti potrebbe interessare anche->Se hai le palpebre gonfie questi rimedi naturali fanno al caso tuo

Esposizione al sole, quando è meglio evitare: alcuni farmaci fanno male

Sole
Vacanza (Pixabay)

L’estate ci spinge a passare più tempo sotto i raggi del sole, a stare all’aria aperta, a goderci la spiaggia. Ad alcuni piace particolarmente, ad esempio, godersi i primi raggi del sole, godersi il sole, stesi su un asciugamano, col rumore del mare. Tutto bellissimo se non fosse che il sole può farci male, specie in alcuni casi. E’ vero che per la maggior parte delle volte, ed è questo che ci è stato insegnato, il sole ci fa in realtà un gran bene: è uno dei maggiori “fornitori” per il corpo umani di vitamina d, che ci fa bene alle ossa e al sistema immuniario. Ci sono dei casi in cui però l’esposizione al sole sarebbe meglio evitarla.

Ti potrebbe interessare anche->Il latte di nocciole è ricco di proprietà, ecco perché dovresti assumerlo

Ad esempio, dopo l’assunzione di alcuni farmaci, stare sotto il sole è fortemente sconsigliato, perché alcuni farmaci rischiano di reagire con i raggi uva. Non importa poi se l’assunzione è avvenuta tempo prima, perché i farmaci possono rimanere in circolo anche molte ore dopo l’assunzione. 

I farmaci da evitare sono gli anti-staminici, gli anti-depressivi, gli antibiotici e altri farmaci simili. Inoltre è sempre raccomandabile non esporsi durante le ore più calde del giornata, indicativamente tra le 13 e le 16, e farlo sempre con la testa coperta e con la pelle protetta da una crema adeguata. Non è mai consigliabile inoltre prolungare l’esposizione troppo a lungo. Cercare inoltre di mantenersi idratati nel mentre: sia bevendo a intervalli frequenti, sia detergendo la pelle con dell’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *