Bonus Revisione Auto, scadenza vicinissima: come richiederlo

Resta appena una manciata di giorni per potere usufruire del rimborso messo a disposizione dal Bonus Revisione Auto. Come richiederlo e quanto offre.

Una revisione auto in corso
Una revisione auto in corso (Freepik)

Bonus Revisione Auto, c’è molto poco per mettersi in regola con la richiesta del provvedimento allo scopo di potere ottenere il relativo rimborso. Il Bonus Revisione Auto non è per tutti ma solo per una specifica fetta di cittadini che possiedono uno o più veicoli.

Ed in particolare la misura della quale stiamo parlando è rivolta a tutti coloro che hanno compiuto la revisione del loro mezzo o dei loro mezzi in un periodo compreso tra il 1° novembre 2021 ed il 31 dicembre dello stesso anno. Destinatario del provvedimento è l’intestatario del mezzo interessato.

Il rimborso fornito è di 9,50 euro, non molto ma comunque si tratta di una piccola entrata a fronte della spesa fatta. Bisogna prima avere effettuato la revisione auto per avere il Bonus e poi avanzare domanda attraverso l’apposita piattaforma, allegando anche la ricevuta di avvenuto pagamento.

Cosa succede invece per chi la revisione l’ha compiuta nel corso del 2022? Per questa categoria è possibile avere il rimborso previsto a partire da maggio. Solo da allora infatti per loro si avrà modo di presentare la domanda.

Potrebbe interessarti anche: Come risparmiare sull’RC auto, il modo facile per riuscirci

Come richiedere il Bonus Revisione auto 2022?

Il motore di un veicolo a quattro ruote
Il motore di un veicolo a quattro ruote (Freepik)

Il prezzo per una normale revisione è salito da 66,88 euro a 78,75 euro, con la tariffa ministeriale aumentata a sua volta da 45 a 54,95 euro. Da qui ecco arrivare il rimborso di quasi dieci euro, considerando le altre spese accessorie coinvolte. Questo bonus avrà validità fino a tutto il 2024.

Potrebbe interessarti anche: Scadenze maggio 2022, se non paghi questa imposta sono guai

Si potrà usufruire di questa misura per una sola volta e per un solo veicolo. Quindi i possessori di due o più mezzi potranno approfittarne solamente in una circostanza. Come si deve fare per presentare la domanda? Ci sono tre modalità previste:

  • con identità digitale Spid;
  • con  Carta di identità elettronica (Cie);
  • o con Carta nazionale dei servizi (Cns);

Potrebbe interessarti anche: Sconto sul bollo auto, in questa regione si paga di meno

Una volta compiuto l’accesso sulla piattaforma apposita andranno indicati la targa dell’auto o della moto revisionata, intestata al richiedente od alla società alla quale il veicolo è intestato. Poi la data di avvenuta revisione, l’IBAN sul quale ricevere il rimborso, nome e cognome ed infine un indirizzo e-mail valido per delle possibili comunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *