Demenza degenerativa: nuova era di diagnosi della malattia in arrivo

Gli scienziati stanno lavorando ad un modo più semplice di diagnosi delle malattie di demenza degenerativa attraverso le analisi del sangue.

Alzheimer diagnosi
Persone anziane giocano a scacchi (Unsplash)

Mentre le aziende farmaceutiche spendono centinaia di milioni di dollari su un potenziale trattamento per il morbo di Alzheimer, altri ricercatori si stanno concentrando su una questione più elementare. Ovvero su come diagnosticare in modo più semplice la malattia degenerativa. Questi ricercatori affermano che una nuova generazione di esami del sangue potrebbe offrire un modo più facile e preciso per rilevare i segni dell’Alzheimer.

Una nuova ricerca ha trovato un esame del sangue in grado di rilevare i segni della malattia negli adulti più anziani con problemi di memoria. Questa scoperta potrebbe essere una piccola svolta in quanto i test sarebbero più facili, meno costosi e disponibili per più persone rispetto alle scansioni cerebrali o ai prelievi spinali ora utilizzati per rilevare i segni biologici della malattia.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cancro: uno studio lo collega ad un rischio ridotto di malattia di Alzheimer

Nuovo metodo di diagnosi per le malattie da demenza degenerativa

alzheimer test
Prelievo del sangue (Unsplash)

Gli esami del sangue rappresentano un inizio molto precoce di una nuova era di diagnosi per il morbo di Alzheimer. La diagnosi della malattia richiede tempo ed è inaccessibile per coloro che vivono lontano dalle cliniche di memoria o da altri specialisti. Un esame del sangue, chiamato PrecivityAD, che utilizza una tecnologia chiamata spettrometria di massa, misura le proteine amiloidi e il rischio genetico per la malattia. In due studi pubblicati nel Journal of the American Medical Association Open, i test hanno rilevato con precisione la proteina amiloide nell’81% dei campioni rispetto a una scansione del cervello.

Ti potrebbe interessare anche >>> Alzheimer, importante scoperta: rilevati nuovi geni che innescano la malattia

L’amiloide si accumula e forma grumi nel cervello dei malati di Alzheimer. I ricercatori e le aziende farmaceutiche hanno speso centinaia di milioni di dollari negli ultimi due decenni per trovare farmaci in grado di eliminare l’amiloide dal cervello o che potrebbero rallentare il declino della memoria. Ma questi farmaci non hanno dimostrato di arrestare la malattia di Alzheimer. Una semplice analisi del sangue per diagnosticare questo tipo di malattie è un grande passo avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *