Ictus, in caso di emergenza prova il metodo dell’ago

Ictus, in caso di emergenza prova il metodo dell’ago: in questo modo riuscirai a limitare i danni mentre attendi i primi soccorsi

Ictus, ecco come puoi comportarti nell’attesa che arrivino i soccorsi. Attenzione, questo metodo non è sostitutivo delle cure ospedaliere.

Ti potrebbe interessare anche->Bonus vacanze 2022: a chi è rivolto e cosa prevede

Ictus, in caso di emergenza prova il metodo dell’ago

Ago ictus
Ago (Pixabay)

L’ictus è uno dei malesseri del terzo millennio, tipico dei paesi occidentali, dove un certo stile di vita, ci predispone a questo tipo di “malattia”, di “colpo” letteralmente, che può esserci fatale o può compromettere in maniera sensibile il nostro stile di vita. Spesso ci facciamo prendere dal panico giustamente ma l’unica cosa da fare è cercare di mantenere la calma quanto più possibile. Chiama immediatamente i soccorsi: in questo caso, infatti, essere tempestivi fa veramente la differenza. Quello che stiamo per proporti infatti non vuol essere un metodo di sostituzione delle cure, diffida sempre da chi ti da’ soluzioni del genere in quanto nel migliore dei casi è un ingenuo.

Ti potrebbe interessare anche->Ginnastica facciale: il rimedio per le rughe e i segni dell’invecchiamento

Dunque la prima cosa da fare, dopo aver riconosciuto, i sintomi dell’ictus, è allertare l’ambulanza: sarà da voi nel giro di qualche minuto. Nel mentre puoi provare questo metodo ereditato dall’ agopuntura. Per aiutare a far fluire il sangue che purtroppo potrebbe essersi raggrumato, munisciti di un ago o di una siringa. Lievemente, dopo averlo sterilizzato con una fiamma o un accendino, puntella tutte e dieci le dita, sulla punta del dito: dovrebbe uscire del sangue. Se non inizia un flusso, premi con decisione al centro del palmo. A questo punto, vedrai che il sangue inizierà ad uscire- attenzione, il flusso deve essere poco abbondante- in questo modo potrai salvaguardare il paziente in attesa di soccorsi, così da evitargli trombi di sangue rilevanti.

Se ti sembra che questo sia troppo poco, puoi provare anche in un’altra zona del corpo, particolarmente sensibile all’ago-puntura: le orecchie. Massaggia le orecchie finché non vedrai che saranno diventate rosse. A quel punto “pizzica” con un ago: dovrebbero uscire un paio di gocce di sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *