Tutti pazzi per il sale Maldon in cucina, tutte le caratteristiche e gli usi

Hai mai sentito parlare del sale Maldon? È una delle ultime tendenze in cucina: lo usano i grandi chef ed è davvero speciale. Ecco perché

sale maldon
sale maldon (Pixabay)

Forse nell’ultimo periodo avrai sentito nominarlo, magari ti sarai chiesto che specialità ha e perché è così rinomato. Parliamo del sale Maldon, molto in voga tra gli chef stellati.

È un sale che come indica il suo nome viene estratto nelle saline della città inglese di Maldon, in Essex. Un sale a chicchi grossi che si sente subito sia al sapore che visibile agli occhi. È quello in grani che si trova sulle focacce o sui crackers.

I fiocchi del sale Maldon sono bianchi e a forma di piramide cava. È questa la particolarità per la quale sta riscuotendo tanto successo. Vediamo quali sono le sue caratteristiche, perché è così speciale e come i grandi chef lo usano.

Potrebbe interessarti anche: Come pulire perfettamente tazze da tè e da caffè: parla l’esperto

Sale Maldon: tutte le curiosità sulla moda del momento

sale
sale (Pexels)

Oggi il sale Maldon spopola nelle cucine stellate ma in realtà è antichissimo. Era già usato dai Romani e oggi dalla città inglese da cui porta il nome si esporta in tutto il mondo.

Per estrarlo si segue una tecnica tutta particolare: si dirotta l’acqua del fiume in vasche ad hoc e dopo essere evaporata, il sale si sedimenta sul fondo formando delle piccole piramidi. Tutto questo è gestito da un’unica azienda che è arrivata alla sua quarta generazione e fa arrivare il suo sale anche alla Regina Elisabetta oltre che ai grandi chef stellati.

Potrebbe interessarti anche: Aprire vasetti e barattoli senza sforzo e senza farci male: ecco il trucco

I nomi più in dell’alta cucina scelgono il sale Maldon per via delle sue caratteristiche: ne basta usarne pochissimo per arricchire il piatto in modo speciale grazie ad un sapore fresco e pulito e a dei grani croccanti.

In questo influisce il microclima dal quale proviene: la salsedine aggiunge quel tocco in più senza far storcere il naso, anzi. Poi i grani grossi e ruvidi permettono alle papille di percepirlo in modo netto. È questo fondamentalmente il suo grande “segreto”. Oltre a questo non ha nient’altro in più rispetto a tutti gli altri sali.

Come usarlo? Per insaporire le insalate, come anche la carne ed il pesce. Nell’alta cucina, inoltre, questo sale è usato per creare dei contrasti di sapori e quindi viene abbinato al dolce: su torte, crostate, frutta e biscotti. La cosa essenziale è inserirlo nelle ricette quando il piatto è già cotto e pronto per essere servito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *