Toccarsi i capelli, il significato spiegato dalla psicologia

Toccarsi i capelli, il significato spiegato dalla psicologia: infatti non si può dire che toccarsi i capelli sia solo un gesto di seduzione femminile

Linguaggio inconscio
Ragazza che si tocca i capelli (Pixabay)

Toccarsi i capelli ha un preciso significato psicologico che però spesso e volentieri viene frainteso.

Ti potrebbe interessare anche->Come evitare che il correttore vada nelle pieghe, il trucco della influencer

Toccarsi i capelli, il significato psicologico dietro questo gesto molto frainteso

Toccarsi i capelli significato
Toccarsi i capelli (Pixabay)

Il linguaggio del corpo è probabilmente uno dei campi più interessanti della psicologia, in quanto ci rende partecipi di qualcosa che altrimenti ci sarebbe molto probabilmente semplicemente precluso: il pensiero degli altri. Quello che gli altri pensano o provano in un determinato momento o circostanza, non sempre viene esplicitato. Quasi mai, anzi, vista l’enorme fatica che facciamo in determinati contesti ad esprimerci. Spesso e volentieri, poi, è la stessa società che ci impedisce di non dire determinate cose in determinati momenti perché “non sta bene”. Non ci sogneremmo mai di dire al nostro interlocutore, specie se non lo conosciamo, che ci sta annoiando. Sapere però decifrare i gesti degli altri ci permette di “leggerli” meglio e di regolare di conseguenza il nostro comportamento. Oggi parliamo meglio di uno dei gesti più mal-interpretati del linguaggio del corpo, ossia toccarsi i capelli.

Ti potrebbe interessare anche->Nuvole soffici alla crema, che bontà! Farle è semplicissimo

Molto frequente nelle donne, questo gesto viene preso come un gesto di piacere e quindi di corteggiamento. Non è così: toccarsi i capelli è un gesto di auto-regolazione. I gesti di auto-regolazione servono per cercare di riportare a livelli sopportabili un sentimento o un’emozione che sta diventando eccessiva; serve quasi a “scaricare”, a riportare la situazione in una norma che sia più familiare.

Tale emozione in eccesso però, ed è qui l’inghippo, può non essere necessariamente piacevole. Può trattarsi di rabbia, di fastidio, di ansia. Ovviamente per interpretare correttamente il tutto bisognerebbe immaginare il contesto e, se ci sono, altri atteggiamenti della persona in quel momento. Se per esempio la persona in questione porta tra noi e lei un oggetto, noto gesto che indica una volontà di fastidio e allontanamento, e poi si tocca i capelli è poco probabile che quel gesto voglia dire che sta cercando di sedurci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *