Scatola nera in auto, presto sarà obbligatoria: cosa rischi se non la monti

Da quando sarà necessario per forza di cose munirsi di una scatola nera in auto. Il suo utilizzo diventa imprescindibile. Per chi non si adegua ci saranno delle multe.

Una scatola nera in fase di montaggio
Una scatola nera in fase di montaggio (Pixabay)

Scatola nera in auto, è questa una delle novità che la Commissione Europea ha decretato negli ultimi mesi e che tutti noi dovremo seguire per i nostri veicoli. Questo dispositivo sarà fondamentale per tutelarci in quei malaugurati casi in cui dovessero avvenire degli incidenti, specialmente se di grave entità.

Difatti la scatola nera in auto registrerà tutto quanto avvenuto nei secondi immediatamente precedenti ad un sinistro. Cosa che risulterà di grande aiuto per l’assicurazione nella ricostruzione della dinamica. Ed anche alle forze dell’ordine allo scopo di potere attribuire eventuali responsabilità.

L’obbligo di impiantare una scatola nera in auto varrà per tutti i Paesi membri dell’Unione Europea. Questa cosa non lederà in alcun modo la privacy degli utenti, dal momento che verranno estrapolate solamente le informazioni che faranno riferimento ad un eventuale episodio richiesto. Le scatole nere si attivano solo all’occorrenza, infatti.

Potrebbe interessarti anche: Pedaggi autostradali, se resti fermo nel traffico ottieni il rimborso

Scatola nera in auto, perché è uno strumento molto utile

Gli interni di un'auto
Gli interni di un’auto (Pixabay)

Da quando partirà l’obbligo di installare questi dispositivi? C’è una data ben precisa a partire dalla quale coloro che non si adegueranno andranno incontro a delle sanzioni importanti.

Il giorno prefissato è il 6 luglio 2022, cosa che vale per le automobili ed i veicoli di nuova omologazione. Le multe non sono ancora note ma è da dare per scontato che il loro importo sarà alquanto elevato. Del resto si parla di un qualcosa che ha a che fare con la nostra sicurezza e con quella degli altri.

Potrebbe interessarti anche: Telepass, pericolo: aumenti a luglio e la conveniente concorrenza di Unipol

Sarà compito dell’assicurazione alla quale ci rivolgeremo per la consueta copertura RC auto fornire un dispositivo compatibile, grazie al quale registrare velocità, posizione ed altre informazioni che possono tornare utili. Tra l’altro l’accessorio in questione non potrà essere in alcun modo alterabile o manipolabile.

Potrebbe interessarti anche: Bollo Auto, anche chi è in regola potrebbe rischiare grosso: il caso particolare

Ed un altro elevato fattore di utilità che rende la scatola nera preziosa è rappresentata proprio dalla sua funzionalità legata al GPS. Cosa che, in caso di furto, consentirà di potere triangolare la posizione del veicolo eventualmente sottratto. Il dispositivo viene montato direttamente sulla batteria del proprio mezzo e ci pensa l’assicurazione stessa a fornire le indicazioni su come fare, fissando un appuntamento con un centro servizi compatibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *