Mal di testa: tutti gli esami da fare

Se soffrite di mal di testa è molto importante fare una serie di esami di controllo per capire dove sia il problema, ecco l’elenco.

dolore alla testa
Mal di testa (Pexels)

L’Istituto Superiore della Sanità ha reso noto che oltre 7 milioni di persone in Italia soffrono di mal di testa. Il dolore che si avverte può interessare diverse zone del capo e questa patologia interessa tanto i giovani quanto le persone adulte.

Soffrire di mal di testa può rendere la vita di tutti i giorni molto difficile in base all’insorgenza del dolore, all’intensità e alla durata. I medici si riferiscono a questo disturbo con il termine cefalea. Ma hanno individuato vari tipi di dolore alla testa. Bisogna dire, però, che le cause non sono ancora così chiare alla scienza e possono anche essere molto varie. Per questo è difficile trovare una cura o un rimedio preciso.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Mal di testa al risveglio: le possibili cause e quando preoccuparsi

L’aspetto importante, tuttavia, è quello di fare gli appositi esami per accertare la condizione generale e magari, trovare una causa specifica che provoca questo disturbo. Ma vediamo l’elenco di tutti gli esami da fare.

Mal di testa: l’elenco degli esami da fare

cefalea
Mal di testa (Pexels)

Quando si soffre di mal di testa non si deve assolutamente sottovalutare il problema. Anche se è un disturbo comune, come abbiamo già detto, le cause possono essere molto varie, dalle più innocue a quelle più gravi. Dunque, la cosa giusta da fare è quella di fare una serie di esami e di accertamenti. Questi sono:

  • Radiografia del cranio: in questo modo si ottengono immagini del cranio per valutare se ci sono delle malformazioni, delle lesioni o dei traumi. In questo modo si può individuare anche la presenza oppure escludere un tumore;
  • Risonanza magnetica: rende visibili le parti molli del cervello, può essere fatta anche con liquido di contrasto. La visita si svolge su un lettino dentro una macchina, bisogna stare fermi e la macchina individuerà alcune patologie, tumori oppure condizioni infettive e neurologiche;
  • Elettroencefalogramma: tramite l’applicazione di elettrodi sulla testa si osserva l’attività dell’encefalo, in questo caso si possono individuare disturbi del sonno oppure crisi epilettiche;
  • TAC: una macchina ruota attorno alla testa permettendo di avere diverse immagini delle ossa e delle parti interne. Si possono individuare ictus, emorraggia cerebrale, tumori, infiammazioni o danni alle ossa;
  • Polisonnografia: mentre la persona dorme viene monitorato il battito cardiaco, l’ossigenazione, la respirazione in modo da individuare eventuali disturbi legati al momento del sonno;
  • Puntura lombare: attraverso il prelievo del liquido cerebrospinale, poi analizzato, si possono individuare delle informazioni in più come delle infiammazioni o delle malattie particolari;
  • Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici: si tratta di un controllo delle vene che vanno verso al cervello per verificare che ci siano dei problemi cardiovascolari.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Il mal di testa non è sempre uguale: quali sono i tipi più diffusi

Infine, è importante sapere che un mal di testa persistente potrebbe essere causato da un problema al cuore. Per questo motivo è importante fare visite approfondite come l’ecocardio con contrasto, comunemente chiamato Bubble test, per osservare che l’organo sia privo di malformazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *