Come prendere il Sole in sicurezza, cosa fare per evitare scottature e peggio

I suggerimenti su come prendere il Sole in sicurezza, contro il rischio di melanoma oltre che di bruciature e irritazioni.

Una donna stesa ad abbronzarsi in spiaggia
Una donna stesa ad abbronzarsi in spiaggia (Pixabay)

Come prendere il Sole in sicurezza, seguire certe precise indicazioni è molto importante per non tornare a casa con scottature ed irritazioni. Inoltre ci sono anche altri aspetti che è fondamentale conoscere per garantire a sé stessi la piena incolumità. Si sa infatti che abbronzarsi può esporre le persone a dei rischi per la salute.

Colpa dei raggi ultravioletti emessi dal Sole, che riescono a penetrare l’atmosfera terrestre ed a colpirci in maniera diretta. I raggi UVA sono delle radiazioni che molti studi hanno confermato essere una fonte di cancro della pelle. Le possibilità che questa spiacevole eventualità avvenga sono molto elevate se ci si espone ai raggi solari senza protezione. Perciò sapere come prendere il Sole in sicurezza è fondamentale.

I rischi aumentano esponenzialmente se la cosa viene effettuata con periodicità. Anche solo qualche settimana di tintarella senza alcuna crema protettiva assunta può risultare una pratica potenzialmente nociva. Vediamo come prendere il Sole in sicurezza, soprattutto in estate.

Potrebbe interessarti anche: Abbronzatura lampo: quando prendere il sole fa male alla salute

Come prendere il Sole in sicurezza, i suggerimenti da seguire

Le mani di una donna stesa sulla riva
Le mani di una donna stesa sulla riva (Pixabay)

Contro i tumori della pelle, chiamati in gergo anche melanomi, non bisogna andare alla leggera. Si tratta della seconda causa di mortalità per la fascia di popolazione che va tra i 30 ai 45 anni. E la esposizione diretta e sconsiderata ai raggi UVA in estate per settimane e settimane è una delle cause di tutto questo.

Ma sotto accusa ci sono anche le lampade abbronzati. E non bisogna sottovalutare neppure la protezione ai bambini. La cosa migliore da fare, se si vuole restare in spiaggia a mattina inoltrata e nel primo pomeriggio, è quella di munirsi di un ombrellone nella fascia oraria più critica, che va dalle 11:00 alle 15:00. Proprio qui è quando il Sole picchia davvero forte.

Potrebbe interessarti anche: Lettino o sdraio cosa è meglio per prendere il sole? Consigli per la scelta

Ed è molto importante munirsi di creme solari, specialmente se si è molto sensibili ai raggi solari. Aumentano le nostre barriere protettive anche indumenti di colore chiaro, occhiali da sole e cappelli. Tutto questo contribuisce ad abbassare il livello di raggi Uva recepito ed il rischio di incappare in scottature.

Potrebbe interessarti anche: I farmaci da evitare se si vuole prendere il sole: l’elenco

Ma molto di aiuto sono anche delle visite di controllo alla pelle. Nel caso di comparsa improvvisa di nei sospetti e dall’aria tutt’altro che rassicurante, o di macchie e segni vari che magari diventano anche persistenti, il consiglio è quello di richiedere subito un consulto medico. Questo è il fattore che molte volte contribuisce a scoprire qualcosa di brutto giusto in tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd