Feci chiare e puzzolenti: attenzione al sintomo della malattia infiammatoria

Le feci e diarrea chiare e puzzolenti potrebbero indicare una rara patologia infiammatoria del fegato. Ecco di cosa si tratta.

problemi intestino
Emoji (Unsplash)

Le feci hanno normalmente un odore sgradevole, ma le feci maleodoranti hanno un odore insolitamente forte e putrido. In molti casi, le feci maleodoranti sono dovute agli alimenti e ai batteri presenti nel colon. Tuttavia, possono anche indicare un grave problema di salute. Le feci maleodoranti possono essere accompagnate da diarrea, gonfiore o flatulenza e sono spesso molli o colanti.

Le cause comuni delle feci chiari sono: malassorbimento di nutrienti, infezioni e medicine. Il malassorbimento si verifica quando l’organismo non è in grado di assorbire la giusta quantità di nutrienti dagli alimenti assunti. In genere si verifica in presenza di un’infezione o di una malattia che impedisce all’intestino di assorbire le sostanze nutritive dagli alimenti. Tuttavia può essere sintomo anche di qualcosa di più grave.

Ti potrebbe interessare anche >>> Feci di colore verde, le cause principali secondo i medici

Malattia rara infiammatoria del fegato, attenzione alle feci chiari e maleodoranti

Mal di pancia
Mal di pancia (Unsplash)

Feci chiare e maleodoranti possono essere un sintomo di colangite sclerosante primitiva. È una malattia cronica del fegato in cui i dotti biliari all’interno e all’esterno del fegato si infiammano e si cicatrizzano, fino a restringersi o bloccarsi. Quando ciò accade, la bile si accumula nel fegato e provoca ulteriori danni epatici. I sintomi possono includere dolore all’addome, prurito, diarrea, ittero, sensazione di stanchezza o debolezza e febbre.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cosa mangiare e cosa no per ridurre il rischio di tumore

L’unico trattamento possibile è tramite l’alimentazione, poiché i medici non possono fare altro che contrastare i sintomi della malattia. Una dieta sana ed equilibrata è importante in tutte le fasi della colangite sclerosante primaria. Il medico può consigliare un piano alimentare sano che fornisca calorie e nutrienti sufficienti per aiutare il fegato a funzionare correttamente e a gestire le complicanze. Nel caso in cui la malattia infiammatoria cronica dovesse peggiorare, potrebbe essere necessario un trapianto di fegato. Per questo motivo bisogna fare attenzione ai sintomi, i quali sono sì comuni ad altre forme di patologie più lievi, tuttavia sempre meglio rivolgersi ad un medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *