Attenzione ai sintomi dopo aver mangiato, sono l’inizio di alcune patologie

Molte condizioni sono da non sottovalutare e ci sono alcuni sintomi che vengono dopo mangiato a cui prestare attenzione. Ecco quali.

Mal di stomaco
Mal di stomaco (Unspalsh)

Dopo mangiato, può capitare che si manifestano strani sintomi all’improvviso. Sintomi che è meglio non sottovalutare e rivolgersi al proprio medico quando capitano. Tra questi ci sono: diarrea, flatulenza e nausea. Prevenire è sempre meglio che curare, sono sintomi comuni ma che alla radice potrebbero nascondere qualcos’altro.

Infatti che avvengono dopo mangiato potrebbero essere il sintomo di qualche patologia come: l’intossicazione alimentare, sindrome dell’intestino irritabile, ipotensione postprandiale e stress. Tutte patologie che se non curate possono portare a gravi conseguenze. Nel prossimo paragrafo vediamo come prestare attenzione a determinati segnali.

Ti potrebbe interessare anche >>> Rifiuti radioattivi, si apre una nuova possibilità di smaltimento

I sintomi che escono dopo aver mangiato possono essere la causa di qualcosa di più grave

sintomi dopo mangiato
Malessere (Unspalsh)

Diarrea

Capita che quando si ha finito di mangiare arriva lo stimolo di correre urgentemente al bagno. In questo caso potrebbe trattarsi di un’intossicazione alimentare. Essa è il risultato del consumo di alimenti contaminati, avariati o tossici. I sintomi più comuni di un’intossicazione alimentare sono nausea, vomito e diarrea. Soprattutto adesso con il caldo eccessivo, bisogna prestare maggiore attenzione a prodotti come il latte, il formaggio e la carne.

Vertigini

Se dopo i pasti capita di avere dei giramenti di testa si potrebbe essere affetti da ipertensione postprandiale. La digestione è un lavoro complicato che richiede una precisa coordinazione tra i sistemi digestivo, nervoso e circolatorio. Un primo compito è quello di dirottare il sangue in eccesso verso lo stomaco e l’intestino tenue. Per compensare questa deviazione, il cuore batte più velocemente e più forte, mentre i vasi sanguigni lontani dall’apparato digerente si restringono. Queste due azioni mantengono la pressione sanguigna e il flusso di sangue verso il cervello, le gambe e tutto il resto.

In alcune persone, il cuore e i vasi sanguigni non rispondono come dovrebbero. Questo fa sì che la pressione sanguigna diminuisca ovunque, tranne che nell’apparato digerente. L’improvviso calo si manifesta di solito con vertigini o giramenti di testa. L’ipotensione postprandiale provoca in alcune persone cadute e in altre svenimenti. Può scatenare il dolore al petto noto come angina, disturbare la vista o causare nausea.

Nausea

Avvertire un senso di nausea appena si è consumato un pasto non è un buon segno. Infatti questo è un sintomo della sindrome dell’intestino irritabile. È un’infiammazione che colpisce il colon, un tratto dell’intestino, ed è causata da un’alimentazione scorretta. Altri sintomi sono: gonfiore addominale, dolore al colon, diarrea o stipsi.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cosa mangiare per prevenire gli infortuni: l’alimentazione contro contratture e stiramenti

Mal di stomaco

Bruciore di stomaco o mal di stomaco dopo aver mangiato possono significare alti livelli di stress. Quest’ultimo influenza di molto l’equilibro dell’organismo e soprattutto quello dell’intestino. Inoltre, le persone particolarmente stressate e nervose tendono anche a mangiare più del necessario in modo vorace e preferendo cibi zuccherati, questo compromette la salute dell’apparato digerente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *