Bonus Giardini 2022, come usufruire della detrazione fiscale

Quali sono i principali aspetti del Bonus Giardini 2022, che può essere utilizzato in certi casi per ottenere un rientro della spesa compiuta.

Un uomo cura il proprio giardino
Un uomo cura il proprio giardino (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Bonus Giardini 2022, in che cosa consiste? Si tratta di una voce particolare inclusa nel cosiddetto Bonus Verde e che dà la possibilità a chi ne ha l’intenzione di potere attuare degli interventi di rifacimento oppure di natura straordinaria. Che riguardano, come è possibile evincere dal nome, il proprio giardino di casa e le aree verdi.

Ma il Bonus Giardini 2022 include anche terrazzi e parti in comune di un condominio. E consiste in una buonissima agevolazione fiscale che consta del 36% sul totale della spesa sostenuta per il lavori.

C’è di buono che il Bonus Giardini 2022 rimarrà in vigore per almeno altri due anni, dopo avere ricevuto una conferma ufficiale in tal senso grazie all’ultima Manovra Finanziaria.

Bonus Giardini 2022, come fare per averlo

Un giardino bisognoso di cure
Un giardino bisognoso di cure (Pixabay)

Un criterio da dovere rispettare per potere sfruttare la relativa detrazione fiscale è costituito dal fatto che c’è un tetto massimo di spesa da non dovere superare. Tale detrazione verrà applicata solamente per quegli interventi di ristrutturazione o di riqualificazione che non vadano oltre i 5mila euro. Per un rientro totale quindi di massimo 1800 euro.

Inoltre si tratta di un benefit non cedibile a terzi: per poterne usufruire è obbligatorio possedere un immobile da ristrutturare o sistemare. Entrando più nel dettaglio, sono contemplati lavori di installazione o di miglioramenti per recinzioni, sistemi di irrigazione e costruzione di pozzi, in quelle aree verdi di edifici già esistenti.

E questo bonus è applicabile anche nel caso in cui vadano rimpiazzate le siepi o compiere delle potature di grandi dimensioni. Inoltre si può procedere pure nelle situazioni di giardini vincolati da interesse storico. Non si può invece procedere con manutenzioni ordinarie svincolate da un miglioramento in termini di riqualificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *