Richiamo alimentare: germogli di bamboo ritirati per rischio fisico

Dal sito ufficiale del Ministero della Salute arriva un nuovo richiamo alimentare e riguarda un noto marchio di germogli di bamboo.

Germogli di bambù
Germogli di bambù (AdobeStock)

Il sito ufficiale del Ministero della Salute ha dato comunicazione di un nuovo richiamo alimentare. Questa volta si tratta di germogli di bambù o bamboo, è un tipo di verdura ricavato appunto dal bambù ed è usato soprattutto nella cucina asiatica. Un marchio in particolare ha presentato comunicazione di un possibile rischio fisico. Di seguito tutti i dettagli del richiamo in modo da poter riconoscere il prodotto ed evitare i problemi.

Richiamo alimentare: attenzione a questi germogli di bamboo, rischio fisico

germogli bambù ritirati
Scheda richiamo alimentare (Screen Ministero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

La comunicazione è apparsa sul sito in data 09 agosto 2022, anche se l’avvertenza da parte dello stabilimento è stata fatta il giorno prima, precisamente l’8 agosto. Il marchio interessato dal richiamo è Lien Ying, prodotto da Rila Feinkost Importe GMBH & CO nello stabilimento di Hinterm Teich 5, Stemwede Levern, 32351 Germania.

Il lotto di produzione è il L0505920210918 e riguarda il pacchetto da 300 grammi (peso sgocciolato 175 grammi) dei germogli di bamboo che riporta la data di scadenza del 19/09/2024. Tutti questi dati li potete consultare sul sito ufficiale del Ministero della Salute e si può vederne anche un estratto qui nell’articolo.

Il motivo del richiamo è a scopo preventivo per possibile rischio di corpo estraneo all’interno del prodotto, ovvero di pezzi di vetro. L’integrità del prodotto è stata quindi compromessa e potrebbe nuocere alla salute delle persone. L’avvertenza è di non consumarlo, naturalmente, ma riportarlo al punto vendita se già acquistato. Per i venditori, ovviamente, la comunicazione è di toglierlo dagli scaffali.

Cosa succede e cosa fare quando si ingerisce del vetro

L’ingestione di oggetti appuntiti, come appunto il vetro, possono perforare le sottili pareti dell’esofago, causando emorragie o infezioni nel mediastino (cavità al centro del torace tra i polmoni). Il vetro non viene digerito e sebbene l’organismo non metabolizzi molto bene la cellulosa, c’è una piccola possibilità che gli acidi dello stomaco riescano a metabolizzarlo. Tuttavia, solitamente ci si accorge di avere un corpo estraneo non appena lo si mette in bocca. In questo caso meglio recarsi in pronto soccorso o chiamare i soccorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.