Ferragosto: qual è il significato di questa festa?

Ferragosto si sta avvicinando sempre di più e noi siamo già pronti a tirare fuori il nostro barbecue e a grigliare in compagnia, ma ci siamo mai chiesti qual è il significato di questa festa e perché si festeggia? Ecco tutto ciò che c’è da sapere.

fuochi d'artificio
Fuochi d’artificio per Ferragosto (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Da sempre agosto è il mese più atteso dell’anno per le vacanze, che ci permettono di rilassarci dopo un lungo anno lavorativo. E di solito le ferie vengono in qualche modo sancite anche da una festa, nota come Ferragosto.

Da sempre celebrata il 15 agosto, durante questa giornata sono comuni tantissimi rituali e tradizioni, ma se ci dovessero chiedere perché si festeggia sapremmo rispondere? Per evitare di fare gaffe, vediamo nel dettaglio quale significato ricopre questa festa.

campi
Campi in estate (Pixabay)

Il giorno di Ferragosto ha tanti motivi per essere festeggiato. In qualche modo sancisce la metà dell’anno già trascorso e l’inizio di un nuovo semestre. Ferragosto celebra poi l’estate, ma ne segna anche la chiusura dato che è la festa prima dell’inizio di un nuovo anno scolastico. In realtà però questa festa ha origini religiose anche se poi, come sempre, al sacro si unisce sempre anche il profano.

Secondo la religione cristiana, infatti, durante questa giornata ci fu l’Assunzione in cielo di Maria, la quale venne portata in Paradiso dopo aver concluso la propria vita terrena. Si tratta dunque dell’unica persona oltre a Cristo ad aver avuto questo privilegio. Un evento importante non solo per i cristiani, ma anche per gli armeni e ortodossi, che però ne celebrano solo la Dormiglione. I protestanti invece, non credendo all’evento celebrato, non festeggiano durante questo giorno.

Ma in realtà l’origine del nome non ha nulla a che vedere con Maria e la sua Assunzione, bensì con un’antica festa romana. Il termine “Ferragosto” deriva infatti dal latino feriae Augusti, che significa “il riposo di Augusto”. Nel 18 a.C l’imperatore Ottaviano Augusto decise infatti di istituire questa festività per permettere agli agricoltori di riposarsi dopo un lungo periodo di lavoro nei campi, in vista di una nuova semina e di un nuovo raccolto.

In origine i giorni di riposo erano più di uno e si trovavano all’inizio di agosto, ma potevano benissimo coinvolgere l’intero mese. E ciò che si faceva durante questo mese nell’antica Roma era divertirsi con corse di cavalli, banchetti e feste. Fu puoi la Chiesa Cattolica a decidere di spostare la festa di Ferragosto al 15, proprio per farla coincidere con l’Assunzione di Maria, che però venne riconosciuto come dogma solo nel 1950.

Dunque, ai romani dobbiamo un lungo periodo di riposo, soprattutto ad Augusto che ne ha riconosciuto l’importanza dopo un’intenso periodo di lavoro. Riposo che ancora oggi ci concediamo visitando i posti che prediligiamo di più al mondo. Il giorno di Ferragosto però da sempre lo dedichiamo ai pic nic, grigliate e gite in compagnia di famiglie e amici. Nulla a che vedere con l’Assunzione di Maria in cielo, ma semplicemente un modo per celebrare l’estate e sfruttare a pieno il meritato riposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.