Bonus senza ISEE, se fai così ottiene ben 7200 euro

Tra i bonus senza ISEE ai quali è possibile accedere ce n’è uno molto vantaggioso grazie al quale ottenere 200 euro al mese per ben 36 mesi. Cosa fare per ottenerlo.

Svariate banconote da 50 euro
Svariate banconote da 50 euro (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Bonus senza ISEE, esistono alcune misure di sussidio statale erogate senza l’obbligo o la necessità di dovere esibire la certificazione relativa a quelli che sono i ricavi di una famiglia nel corso di un anno. In alcune situazione presentare tale documentazione è fortemente consigliato. Basti pensare all’Assegno Unico Universale.

In questa situazione il non allegare la certificazione ISEE porta automaticamente una famiglia richiedente nella fascia meno privilegiata, che riceve solamente 50 euro a figlio al mese. Altrimenti si potrebbe percepire molto di più. Ma per quanto riguarda i bonus senza ISEE, questa barriera viene meno.

Di conseguenza dovrebbe essere più facile ottenere questi bonus senza ISEE. Tra questi ce n’è uno che ha una durata di tre anni e che mette a disposizione ben 7200 euro in totale. Una cifra suddivisa in 200 euro erogati con cadenza mensile.

Bonus senza ISEE, come avere 7200 euro in tre anni

Diverse banconote da 10 euro
Diverse banconote da 10 euro (Pixabay)

C’è comunque un requisito da rispettare, che riguarda l’obbligo di dovere avere dei figli a carico. Non importa se naturali, affidati oppure adottati. E non devono avere più di tre anni di età. Quindi questo bonus senza ISEE ha validità solamente nel caso di presenza di figli a carico con meno di tre anni.

Va anche detto che questo provvedimento è messo a disposizione ad oggi da una specifica Regione. Si tratta dell’Abruzzo, che ha deciso così di incentivare le nascite e la creazione di nuove famiglie. Inoltre tale misura serve anche a ripopolare delle specifiche località: sono 173 Comuni abruzzesi che aderiscono a questa trovata. Occorrerà anche mantenere la residenza in uno di questi posti per almeno tre anni.

Almeno un genitore ed il figlio od i figli con meno di tre anni dovranno risultare residenti lì. Con tutta probabilità è possibile che anche altre Regioni emettano dei provvedimenti di sussidio simili. Per saperne di più si consiglia di consultare i siti web istituzionali della propria Regione o del proprio Comune di residenza, oppure di chiedere informazioni ad un Patronato CAF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.