Nausea, quando è il caso di rivolgersi ad un medico?

Nausea, quando è il caso di rivolgersi ad un medico? Ecco quando non dobbiamo sottovalutare questo disturbo

Nausea quando rivolgersi al medico
Pillole (Pixabay)

Gli articoli più letti di oggi->

La nausea è un fastidio anche piuttosto frequente. E’ possibile che compaia in diverse occasioni, anche quando, per esempio, siamo un po’ nervosi: motivo per cui non dovremmo subito allarmarci o preoccuparci. Ci sono dei momenti però in cui dovremmo smettere di sottovalutare la cosa e rivolgerci ad un medico.

Nausea, smetti di sottovalutarla quando non è il caso

Nausea non sottovalutarla
Nausea (Pixabay)

La nausea è una sensazione spiacevole che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Si avverte tra gola e stomaco, ed è accompagnata da una sintomatica ben precisa. Chi riferisca infatti di provare nausea, non è infrequente infatti che riferisca di provare anche vertigini, sudorazione, pallore e mal di testa.  E’ comune che, provando nausea, si provi repulsione per il cibo, la cui sola vista spesso peggiora la sensazione che si prova. Molto spesso la nausea sfocia nel vomito. Può accompagnarsi nei casi più gravi a febbre, dolori muscolari e senso di disorientamento.

Ma cosa provoca la nausea? Le risposte sono molte e varie, tant’è che non c’è motivo di allarmarsi subito, in quanto la causa potrebbe essere di per sé anche una sciocchezza. Non per forza deve trattarsi di qualcosa si grave. Basti pensare che, a causare nausea, potrebbe anche essere stress ed ansia.

Il disturbo però, in casi specifici, non dovrebbe essere sottovalutato in alcun modo. Vediamo in quali casi è un errore sottovalutare la nausea e quando quindi c’è bisogno di un consulto medico più o meno urgente.

  • Quando la nausea persiste: se la nausea ti accompagna nelle settimane, che sia ad intermittenza o in maniera continua, è il caso di sentire un medico per verificare che non ci siano cause legate all’apparato digerente.
  • Quando la sintomatica si fa intensa: in caso di febbre alta o altri sintomi forti ed invalidanti bisogna accertarsi che non si tratti di un’infezione in corso.
  • Quando hai mangiato qualcosa a rischio: se il giorno prima hai mangiato pesce crudo o altri alimenti di cui non sei certo o che sono a rischio batterico, è il caso di consulatare un medico, e in caso proseguire ad una cura antibiotica.
  • Quando sospetti o ti è già stata diagnosticata in precedenza una malattia (gastrite, ulcera, reflusso) di cui la nausea è un sintomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.