Incubo bolletta: “ci vuole sensibilità al risparmio”

Incubo bolletta: “ci vuole sensibilità al risparmio”: ecco come tagliare notevolmente le spese che rischiamo di trovarci a fine mese

Stangata energia e gas
Lampadina (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

Molti hanno dubbi circa il reale funzionamento di queste misure, poiché non possono essere controllate. Sebbene infatti il piano ci sia, non è ancora chiaro un modo efficace per eseguire dei controlli. E’ probabile che questi vengano eseguiti a campione e non a tappeto ma si teme che questo finirà con l’inficiare sul reale funzionamento delle stesse.

Incubo bolletta: ci vuole più sensibilità e meno sprechi

Guida al risparmio gas
Soldi (Pixabay)

La stangata prevista sui costi di energia e gas, rinviata da Luglio, arriverà ad Ottobre. E gli Italiani si preparano, sempre se ci sia da prepararsi. Infatti la situazione, determinata dalla situazione internazionale e dalla recente guerra, non può che peggiorare. A fronte dell’enorme richiesta di energia, rischiamo di rimanere a rubinetti chiusi. E si potrebbe adesso pensare a come sia stato poco furbo concentrarsi su un unico fornitore, sul perché non si sia investito magari sulle benamate fonti alternative, ma sicuramente ormai è quasi troppo tardi. Possiamo lavorare per invertire la tendenza sul lungo periodo ma una cosa è certa: la stangata arriverà, ed arriverà a breve. E nei prossimi mesi la situazione non può che peggiorare.

Si parla molto di aiuti da parte del governo. Nelle scorse settimane è stato approvato un documento di una ventina di pagine, il piano cingolani. Tale piano punta al risparmio domestico e dei luoghi lavorativi: quello che arriva sarà un inverno freddo, con poche possibilità di riscaldarsi.

Il risparmio, tuttavia, se facciamo dei piccoli sacrifici, può dirsi concreto. Se per esempio ci muniamo di cronometro e facciamo durare una doccia meno di due minuti si possono arrivare a risparmiare fino a duecento all’anno. Attenzione poi a far partire gli elettrodomestici sempre a pieno carico. Per la lavatrice usiamo temperature più basse, e per la lavastoviglie scegliamo se c’è un programma eco. Abbassiamo i riscaldamenti di qualche grado e facciamo attenzione a tutte le spie che solitamente rimangono accese, a segnalare che l’elettrodomestico è standby.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.