Mal di schiena: i 3 rimedi efficaci per alleviarlo

L’università di Harvard afferma che ci sono tre rimedi efficaci possibili contro il mal di schiena. Ecco quali sono.

mal di schiena
Mal di schiena (Pexels)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Ormai al giorno d’oggi stare seduti per lunghi periodi di tempo, sollevare oggetti pesanti o lavorare in ufficio per 8-10 ore al giorno è un fatto quotidiano. Questo tipo di attività ha reso il mal di schiena uno dei disturbi più comuni tra la popolazione. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2021 circa 1,71 miliardi di persone hanno sofferto di disturbi muscoloscheletrici e il mal di schiena è la più comune tra queste condizioni.

Il dolore può essere improvviso, grave o prolungato ed esistono diverse strategie per riuscire a muoversi e riprendersi a casa. Tuttavia dipende in gran parte se si tratta di un dolore acuto di breve durata, o di un dolore cronico che dura già da mesi o anni. Quasi tutti, l’80% delle persone, sperimenteranno questo problema a un certo punto della loro vita e l’università di Harvard suggerisce come alleviare il dolore in tre semplici modalità.

I 3 rimedi che aiutano contro il mal di schiena

postura errata
Postura (Pexels)

Se il dolore provocato dal mal di schiena è di breve durata, cioè dovuto ad attività fisiche insolite che lo hanno scatenato, si possono fare uso di farmaci e applicare del calore per sgonfiare la zona. Secondo gli esperti, i farmaci antinfiammatori non steroidei da banco come l’ibuprofene, possono essere una buona opzione. Anche il movimento viene utile in questo caso poiché è meglio trattare il mal di schiena con la mobilità che con restando fermi immobili. A meno che il paziente non abbia una frattura o una condizione che impedisca il movimento.

Quando si deve affrontare il mal di schiena cronico invece, un’importanza rilevante ce l’ha la postura in quanto il dolore è spesso perpetuato dalla posizione dinoccolata quando si è seduti o in piedi. Quando il dolore diventa cronico è meglio rivolgersi ad uno specialista e lavorare con un fisioterapista per alleviare i disturbi in modo da non peggiorare la problematica in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.