Smartphone e adolescenti: i rischi che comporta, lo studio

Oggigiorno sempre più genitori danno lo smartphone prima agli adolescenti ma uno studio ne ha evidenziato i rischi: isolamento, dipendenza e disattenzione.

bambini tecnologia
Smartphone e bambini (Pexels)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Secondo le ultime statistiche fatte dalla guida “Adolescenti e smartphone” dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, in Italia si stima che la maggior parte degli adolescenti di età compresa tra 11 e 17 anni, fa un uso quotidiano del cellulare navigando anche in internet tutti i giorni. Si ritiene che trascorrano dalle 3 alle 6 ore al giorno attaccati allo smartphone, il quale viene usato persino durante l’orario scolastico.

Sono statistiche preoccupanti che hanno messo all’erta gli esperti. Ospedali come il Bambino Gesù combatte e denuncia ogni giorno l’uso spropositato del telefono, soprattutto se avviene senza la supervisione di un adulto. Secondo i sondaggi però, quando quest’ultima figura è presente il risultato non cambia e rimane controproducente.

I rischi negli adolescenti che comporta l’uso dello smartphone

uso dello smartphone
Smartphone negli adolescenti (Unsplash)

I possibili rischi che insorgono a causa di un uso regolare dello smartphone negli adolescenti sono:

  • Isolamento: il telefono in questo caso diventa come un rifugio per la persona;
  • Problemi di apprendimento;
  • Dipendenza dalla tecnologia;
  • Problemi alla vista;
  • Disattenzione;
  • Dolori articolari: più comunemente a collo e spalle;
  • Conseguenze negative sul ritmo circadiano, ovvero sul sonno

In questo caso la figura di un adulto risulta fondamentale, se non cruciale, per far imparare all’adolescente un uso proprio e adeguato dello smartphone, che secondo i pediatri, è diventato ormai un percorso deve essere affrontato nel corso dell’adolescenza. I professionisti del settore consigliano di illustrare un uso positivo e intelligente della tecnologia, attraverso un dialogo aperto e chiaro.

La tecnologia infatti non offre solo negatività e si può trarre beneficio che possono favorire anche la crescita del teenager. Un lato positivo è sicuramente l’interazione virtuale, la quale può essere molto utile alle persone timide che hanno paura a relazionarsi con gli altri. Lo smartphone può essere di grande aiuto anche per gli adolescenti che soffrono di depressione, aiutandone a migliorare l’umore e a sentirsi più indipendenti, accettati dai coetanei. Quindi l’uso dello smartphone non porta solo a lati negativi, ma anche a qualcosa di positivo, l’importante è saperlo usare nel modo più adeguato possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd