Bonus Carburante, misure ulteriori per famiglie ed imprese

Come funziona il Bonus Carburante, che resterà in vigore fino a tutto il 2022 ed anche l’anno prossimo. Grosse ed importanti agevolazioni previste sia per le famiglie che per le imprese per l’acquisto di benzina, gasolio, gas metano e GPL.

Una donna intenta a fare rifornimento
Una donna intenta a fare rifornimento (Foto Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Esenzione dal ticket sanitario, come averla: i requisiti necessari
Bonus Mobili, solo così ottieni lo sconto in fattura: cosa devi fare
Harry e Meghan, lite furibonda con Carlo dopo la morte della regina

Bonus Carburante, questa è una delle misure presenti all’interno del Decreto Aiuti ter approvato a metà settembre e che introduce tutta una serie di aiuti concreti rivolti a famiglie ed aziende. Tra bollette aumentate all’inverosimile, prezzi dei beni di prima necessità e non solo saliti alle stelle e benzina, diesel e simili che in molte occasioni hanno sfondato i due euro al litro, il Bonus Carburante alla fine è un provvedimento che si rende necessario.

Per quanto riguarda i vari comparti produttivi, ci sono delle agevolazioni previste dal Bonus Carburante stesso in favore di imprese attive nei settori agricolo e della pesca, in merito a quelle che saranno le spese che le stesse affronteranno da ottobre a dicembre del 2022.

Tale bonus, in queste circostanze, mette a disposizione un 20% di credito di imposta sul totale sborsato per fare rifornimento di gasolio e di benzina ai fini produttivi e per i riscaldamenti di immobili predisposti a tali scopi. Bisogna indicare tutte le spese tramite apposite fatture di acquisto al netto della imposta che riguarda il valore aggiunto. Però non è tutto: c’è dell’altro.

Bonus Carburante 2022 come funziona

Una pompa di benzina
Una pompa di benzina (Foto Freepik)

Infatti tale credito d’imposta è ritenuto cumulabile anche con altre misure di sostegno, fino a quando non si supera il valore complessivo dei costi. Questo bonus specifico potrà essere impiegato in compensazione anche nel 2023.

Per quanto riguarda la cessione del credito di imposta, la stessa può accadere per massimo due volte ed esclusivamente verso banche, assicurazioni ed intermediari finanziari.

Per quanto riguarda le famiglie invece è confermato il taglio delle accise fino al prossimo 5 ottobre. Ormai si va avanti con questa misura sin dallo scorso 19 marzo, con la riduzione di 25 centesimi al litro più altri 5 cents di Iva, per benzina, diesel, GPL e gas metano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.