Trucchi naturali per curare le orchidee e mantenerle in vita

Curare le orchidee non è sempre facile. Vediamo 4 trucchi naturali per mantenerle in vita.

Orchidee
Orchidee (Pexels)

Gli articoli più letti di oggi:

Con fiori che sembrano farfalle e durano per mesi, le Phalaelnopsis, o orchidee falena, sono splendide piante da interno. Mantenetele felici e avrete fioriture anno dopo anno.

Orchidee: 4 trucchi naturali per prendersene cura

L’ideale è una finestra esposta a est che riceva la luce del mattino. Anche le finestre rivolte a sud o a ovest vanno bene, ma assicuratevi che l’orchidea sia riparata dal sole pomeridiano più intenso (e più duro) con una tenda trasparente.

Orchidea rosa (Pexels)

Le foglie devono essere di una tonalità brillante di verde oliva. Foglie più scure significano che la pianta non riceve abbastanza luce; foglie con sfumature rosse significano che l’esposizione alla luce è eccessiva.

1) Non troppo caldo, non troppo freddo

Le Phalaelnopsis si trovano bene alle nostre stesse temperature: sopra i 60° di notte e tra i 70° e gli 80° di giorno. Ricordate: Le temperature sul davanzale sono più fredde o più calde rispetto al resto della casa e le fluttuazioni di temperatura possono causare la caduta dei boccioli proprio prima della loro apertura (causando una grande seccatura). Fate attenzione che la vostra Phalaelnopsis sia al riparo da eventuali correnti d’aria.

2) Tagliare i fiori secchi

Quando i fiori appassiscono, avete due possibilità: Tagliare l’apice fino alle foglie e la pianta crescerà uno stelo forte con fiori ancora più grandi entro un anno. Oppure potete tagliare lo stelo appena sopra il primo nodo (sembra una protuberanza) sotto il fiore sbiadito più basso. Spesso lo stelo rimanente produrrà un’altra serie di fiori entro 8-12 settimane.

3) Ricordate il cibo e l’acqua

Un’annaffiatura tiepida una volta alla settimana è di solito sufficiente per le Phalaelnopsis. Potrebbe essere necessario essere un po’ più frequenti in estate e meno in inverno. In caso di dubbio, concedete un giorno in più.

Con un annaffiatoio a naso stretto, irrigate appena all’interno del bordo del vaso, sotto le foglie della pianta. È fondamentale che la corona (il centro della pianta) rimanga asciutta. Utilizzate un tovagliolo di carta per tamponare l’acqua in eccesso per evitare il marciume della chioma. Assicuratevi che il vaso abbia un drenaggio e che l’acqua in eccesso possa defluire e che il contenitore non si trovi in un sottovaso pieno d’acqua.

Somministrate settimanalmente un fertilizzante leggero (un cucchiaino di fertilizzante liquido 20-20-20 in un litro d’acqua – ricordate che non ho problemi a usare fertilizzanti in casa). Una volta al mese, saltate il fertilizzante e usate acqua pulita per eliminare i sali in eccesso.

4) Rinvasare di tanto in tanto

Non è ammesso il terriccio! Quando le scaglie di corteccia si sono decomposte (di solito tra 1 e 3 anni), annaffiate la Phalaenopsis, tiratela fuori dal vaso e lavate la vecchia corteccia dalle radici, tagliando le radici secche o mollicce con una forbice pulita. Rinvasate in un vaso di corteccia di media qualità inumidita, in modo che la base delle foglie inferiori si trovi sopra la corteccia e a mezzo centimetro sotto il bordo del vaso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.