Richiamo alimentare: rischio microbiologico per porchetta

Il Ministero della Salute ha pubblicato un richiamo alimentare riguardante il possibile rischio all’interno della porchetta. Ecco tutti i dettagli.

richiamo alimentare affettato
Tagliere affettati (Pexels)

Il sito ufficiale del Ministero della Salute ha pubblicato in data 4 ottobre 2022 un richiamo alimentare con protagonista la porchetta confezionata. Il pericolo sembra essere dovuto ad un possibile rischio microbiologico, per questo il Ministero mette in guardia i consumatori sull’eventuale pericolo. Di seguito tutti i dettagli del richiamo.

Richiamo alimentare: attenzione alla confezione di porchetta

scheda richiamo porchetta
Scheda richiamo alimentare (screen Ministero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Anche se sul sito del Ministero della Salute il richiamo alimentare è apparso in data 4 ottobre 2022, la scheda è stata compilata il 30 settembre. Il prodotto in questione è Selezioni Alta Qualità Iperal Porchetta di Ariccia 90 gr, commercializzato da Supermercati Iperal S.p.A..

Il lotto di produzione nel mirino è il V233557 con scsdenza il 14 ottobre 2022. L’errore è stato commesso presso la sede produttrice, ovvero il Prosciuttificio San Michele SRL avente marchio identificativo CE IT 1019L e con sede a Lesignano De’ Bagni (PR). Il motivo del richiamo sembra essere il possibile rischio microbiologico.

All’interno della scheda del richiamo alimentare pubblicata sul sito, infatti, sotto la voce “motivo del richiamo” è indicata la dicitura “non conformità microbiologica“. Tra le avvertenze indicate, si invitano i consumatori che hanno acquistato tale prodotto a non consumarlo in via cautelativa e di non e di restituire le confezioni al punto vendita per la sostituzione.

A seguito di controlli, quindi, è apparso che la confezione di porchetta implicata non avesse i criteri microbiologici adeguati per essere commercializzata in sicurezza. Questo potrebbe comportare il rischio di incorrere in batteri, virus o altri organismi patogeni presenti all’interno dell’alimento. Tra i principali ci sono: salmonella, Listeria monocytogenes, Escherichia coli verocitotossici e Yersinia. Ecco perché difronte ad un possibile rischio microbiologico è meglio restituire il prodotto al punto vendita e seguire le istruzioni date dal sito del Ministero della Salute. Altrimenti si rischia di incorrere in situazioni che possono compromettere la salute dell’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.