Richiamo alimentare: allarme salmonella nei semi di sesamo

La salmonella colpisce ancora e questa volta è stata rilevata nei semi di sesamo. Di seguito tutti i dettagli del richiamo alimentare.

Semi di sesamo
Semi di sesamo (AdobeStock)

Il sito ufficiale del Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo richiamo alimentare. Ancora una volta il rischio è di natura microbiologica e il batterio a cui fare attenzione ancora una volta è quello della salmonella trovato nei semi di sesamo commercializzati da un noto supermercato. Di seguito tutti i dettagli relativi alla scheda del richiamo alimentare.

Attenzione alla salmonella nei semi di sesamo, controlla se hai questo prodotto

Scheda richiamo semi di sesamo
Scheda richiamo alimentare (Screen Mnistero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Il richiamo alimentare è stato pubblicato sul sito del Ministero della Salute in data 10 ottobre 2022 e la scheda è stata compilata il 6 ottobre. Il prodotto in questione riguarda i Semi di Sesamo Biologici da 250 grammi del marchio Vivi Verde Coop, commercializzato da Coop Italia S. C..

Nome e marchio identificativo dello stabilimento e del produttore sono rispettivamente Melandri Gaudenzio Srl, avente sede in Via Boncellino, 120 48012 Bagnacavallo (RA). Il lotto in cui è stata riscontrata la contaminazione è il 139/22 con scadenza il 05/2023. Il richiamo è di natura precauzionale per rischio microbiologico, ovvero è stata riscontrata la presenza di salmonella in uno dei 5 campionari del lotto. Tra le avvertenze inserite nella scheda, si raccomanda di non consumare il prodotto e di riportarlo al punto vendita acquistato.

Cos’è la salmonella?

La salmonella è una comune malattia batterica che colpisce il tratto intestinale. I batteri della salmonella vivono solitamente nell’intestino degli animali e dell’uomo e vengono rilasciati attraverso le feci. La contaminazione avviene attraverso l’acqua o il cibo contaminati. Mentre alcune persone non manifestano sintomi, altre possono sviluppare diarrea, febbre e crampi addominali tra le 8 e le 72 ore dall’esposizione. Non sono necessarie cure specifiche per curare questa infezione. Tuttavia in alcuni casi, la diarrea può causare una grave disidratazione e richiede una pronta assistenza medica e se l’infezione si diffonde oltre l’intestino, si possono sviluppare complicazioni molto gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.