Colazione a basso contenuto di zuccheri: è possibile ed anche molto più salutare

Gli esperti sottolineano come faccia la differenza una colazione salutare, e c’è un modo per riuscirci e per restare sempre in salute. Dovremmo farlo tutte le mattine.

Un bicchiere di latte e tanto altro a colazione
Un bicchiere di latte e tanto altro a colazione (Foto Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Una colazione salutare è quel che serve per potere dare al fisico quel che serve allo scopo di cominciare come si deve la giornata. Qualunque dietologo o nutrizionista che si rispetti ci confermerà come una colazione salutare assieme agli altri appuntamenti da non dover saltare mai rappresentano i cinque momenti alimentari che ognuno di noi dovrebbe sempre rispettare, per stare bene con sé stesso.

Oltre ad una colazione salutare da fare di mattina non troppo tardi appena svegli (al massimo entro le 09:30, n.d.r.) abbiamo lo spuntino di metà mattinata, il pranzo, la merenda e la cena. Ed ognuno di questi fondamentali momenti in cui rifornirci di energie andrebbero tenuti ad una distanza di massimo quattro ore gli uni dagli altri.

Saltare uno solo di questi pasti comporta degli squilibri tali da sottoporci molto più facilmente a degli attacchi di fame che diventano poi difficili da controllare. Invece mangiare gradualmente ad intervalli regolari fornisce maggiore tranquillità all’organismo e ci permette di mantenere stabile il nostro peso con maggiore facilità.

Colazione salutare, il latte per stare bene: cosa succede se lo bevi sempre

Un bicchiere di latte in primo piano
Un bicchiere di latte in primo piano (Foto Pixabay)

Ma non è solo questo: un pasto salutare, e non solo la colazione, è indispensabile anche per evitare il sorgere di complicazioni dal punto di vista alimentare. Basti pensare a chi è affetto da diabete di tipo 2, che è in assoluto la tipologia di questa patologia più diffusa al mondo. Mangiare senza sapersi dosare in quantità può avere degli sconvolgimenti anche di grave entità sul fisico.

Però mangiare quello che serve, al contrario, aiuta a fornire una grossa protezione. Per esempio, nel caso della colazione, c’è uno studio estero che conferma come l’assunzione di una tazza di latte senza zucchero e magari con cereali integrali sia di grande aiuto allo scopo di contenere il livello glicemico nel sangue. Protezione che può durare per tutto l’arco della giornata.

Infatti bere del latte – che sia quello scremato o parzialmente scremato – fa si che venga ridotta quella che è la concentrazione glucosica nel sangue postprandiale. Una cosa che succede mediante proprio le proteine del latte stesso. Una tazza al giorno è di enorme aiuto in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.