Richiamo alimentare: spinaci ritirati per sospetta contaminazione

Il sito del Ministero della Salute ha pubblicato un richiamo alimentare riguardante un lotto di spinaci avente possibile contaminazione. Tutti i dettagli.

spinaci ritirati
Spinaci (Unsplash)

Il sito ufficiale del Ministero della Salute mette in guardia i consumatori su una possibile contaminazione all’interno di un lotto di spinaci. Le confezioni quindi devono essere ritirate per garantire la sicurezza del prodotto e della salute. La scheda del richiamo alimentare è stata pubblicata in data 11 ottobre 2022 sul sito e di seguito sono riportati tutti i dettagli del caso.

Richiamo alimentare: sospetta contaminazione per spinaci, controlla se hai la confezione

scheda richiamo spinaci
Scheda richiamo alimentare (Screen Ministero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

La scheda è apparsa sul sito del Ministero della Salute in data 11 ottobre 2022 ed è stata compilata il 10 ottobre. L’alimento in questione è Spinaci Il Gigante 500 grammi, prodotto da Il Gigante e commercializzato da Rialto s.p.a. La contaminazione potrebbe essere avvenuta presso l’azienda produttrice, ovvero la Spinerb di Colleoni Andrea & C. S.n.c., avente sede in Via Alcide De Gasperi, Golago, BG 24060.

Il lotto di produzione dove è stato riscontrato l’elemento anomalo è il numero 273 con scadenza il 7 ottobre 2022. Il motivo del richiamo alimentare è la sospetta contaminazione da mandragora, quindi ni natura chimica. Tra le avvertenza inserite nella scheda si infamo i consumatori che il richiamo è a scopo precauzionale e, nel caso fosse stato congelato, evitare il consumo del prodotto e riportarlo al punto vendita.

Cos’è la mandragora?

La mandragora (o mandragola), è una pianta allucinogena della famiglia della belladonna ed è originaria del mediterraneo e dell’Himalaya. La pianta è particolarmente nota per le sue potenti radici, che assomigliano in qualche modo alla forma umana, e per questo motivo la mandragora era famosa nell’antichità e veniva usata in pratiche occulte, perché si credeva fosse magica.

La pianta è altamente tossica e si può scambiare facilmente con altre piante commestibili, come per esempio gli spinaci, e può causare un avvelenamento in seguito alla sua ingestione. In erboristeria e in medicina, la mandragora è vietata. I sintomi da avvelenamento sono:

  • Costipazione;
  • Difficoltà di minzione;
  • Secchezza delle fauci;
  • Difficoltà respiratorie;
  • Mal di testa;
  • Visione offuscata e midriasi;
  • Delirio e allucinazioni;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Confusione mentale;
  • Sonnolenza;
  • Tachicardia;
  • Vertigini;
  • Episodi maniacali.

Nei casi gravi può portare al coma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.