Occhio a questi segni, indicano che la tua pianta ha preso freddo: devi agire subito per salvarla

Le vostre piante appaiono danneggiate? Alcuni segnali vi faranno capire che a rovinarle è stato il freddo, bisogna quindi intervenire subito per salvarle.

Pianta segnali sofferenza freddo
Pianta (Collage foto da Facebook)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI SONO: 

Quante volte vi è capitato che da un giorno all’altro le vostre piante hanno iniziato a mostrare segnali di sofferenza? Alcuni vi permetteranno di capire che a danneggiarle è stato il freddo. Questo può succedere se le temperature sono scese eccessivamente rispetto al solito o a causa di tardive gelate, quando la pianta era già entrata nella fase di ripresa vegetativa.

A seconda del tipo di pianta, da interni o da esterno, i segnali che indicano che è stato il freddo a rovinarla possono essere diversi. Sapete quali sono? Nei paragrafi successivi vi sveliamo come capire che stanno soffrendo per il freddo e cosa fare per rimediare.

Ecco alcuni segni che indicano che la pianta sta soffrendo a causa del freddo

Pianta rovinata dal freddo segni
Pianta rovinata dal freddo (Screenshot da Facebook)

Con l’arrivo della bella stagione in molti mettono all’esterno le piante da appartamento per farle crescere al meglio e più velocemente grazie alla luce e alle naturali piogge. Può però capitare che durante la notte le temperature si abbassino all’improvviso e in modo notevole, questo inevitabilmente danneggerà la pianta. Alcuni segnali tipici sono disseccamenti e foglie bruciate.

In questo caso un errore da non commettere è quello di spostare tempestivamente la pianta in un luogo molto caldo. Ciò comporterebbe ulteriore stress per via dell’ulteriore drastico e improvviso cambiamento di temperatura. Dovrete infatti farla abituare in modo graduale, spostatela quindi in un luogo in cui la temperatura si aggira intorno ai 15 gradi e prima di spostarla ancora attendete che si sia un po’ ripresa. Durante questa fase irrigatela poco ma spesso poiché a causa del freddo tende a disidratarsi più velocemente.

I danni saranno però maggiori se la vostra pianta da interni è rimasta a lungo in un luogo in cui le temperature erano molto più basse rispetto a quelle che è in grado di tollerare. In questo caso anche steli o rami appariranno danneggiati, saranno infatti secchi o molli. Anche in questo caso fatela abituare gradualmente alla nuova temperatura, mettendola in un posto molto luminoso e temperato. Inoltre, rimuovete le parti molle e le foglie rovinate e se non dovesse esserci tagliate fino ad arrivare al tessuto verde.

Anche le piante da esterno possono soffrire a causa del freddo, se il danno non è molto esteso appariranno rovinate solo le foglie e qualche zona dei rami. In questo caso prima di procedere attendete perché la pianta potrebbe riprendersi da sola, potrete però eliminare le parti rovinate quando la fase di ripresa vegetativa sarà già avviata e le temperature saranno aumentate. Anche questi tipi di piante necessito di maggiore irrigazione perché vento e gelo causano disidratazione.

In alcuni casi però la pianta potrebbe apparire totalmente secca, se così fosse non gettatela subito perché essere morta solo la parte aerea. Con l’arrivo della primavera spesso dal basso ci sono nuovi getti e potrete quindi potare tutta la parte secca e tagliare i rami fin quando non spunterà un nucleo verde. Per far riprendere la pianta importantissime sono delle adeguate irrigazioni e un’ottima concimazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.