Attenzione a quello che scrivi su Whatsapp: arriva un risvolto storico in Italia

Attenzione a ciò che scrivete su WhatsApp, secondo una nuova legge può diventare valido come documentazione per i processi giudiziari.

Whatsapp (Canva)

?Gli articoli più letti di oggi:

Di recente, la Cassazione ha approvato una legge secondo cui anche i messaggi inviati o ricevuti su Whatsapp sono validi come prove documentali giudiziarie. Ai sensi dell’articolo 234 c.p.c sono utilizzabili in giudizio, pertanto occorre prestare molta attenzione a ciò che si scrive, che si riceve nonostante si tratti di un banale messaggio invito su Whatsapp. Tutti i dettagli.

Messaggi su WhatsApp: da ora prove documentali per i processi

Ai sensi dell’articolo 234 c.p.c., i messaggi su WhatsApp ricevuti o inviati possono diventare dei veri e propri testimoni documentali in giudizio. Come esprime la Cassazione nella sentenza della Cassazione n. 39529/2022, i messaggi registrati sono da ora in poi validi come strumento di prova in appello.

Notifiche Whatsapp (canva)

Secondo un recente processo, un imputato è condannato in primo e secondo grado per utilizzo indebito di strumenti di pagamento diversi dai contanti. L’imputato ha 4 motivi dietro a questo reato:

  1. mancata applicazione dell’art. 131 bis c.p che esclude la punibilità per particolare tenuità del fatto;
  2. inutilizzabilità delle prove secondo cui la corte assume che non ha usato il bancomat;
  3. comunicazione non acquisita agli atti;
  4. inutilizzabilità dei messaggi WhatsApp.

Come stabilito dalla corte di Cassazione: “in tema di mezzi di prova, i messaggi “whatsApp” e gli sms conservati nella memoria di un telefono cellulare hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 cod. proc. pen., sicché è legittima la loro acquisizione mediante mera riproduzione fotografica, non trovando applicazione né la disciplina delle intercettazioni, né quella relativa all’acquisizione di corrispondenza di cui all’art.2 54 cod. proc. pen.”

Altri messaggi che possono essere prove giudiziarie

Anche gli sms e gli screenshot fatti ad esso sullo smartphone hanno valore di prova giudiziaria per la polizia e durante un processo. Così come immagini di screenshot scaricate e stampate dal pc hanno natura di prova documentale e pertanto possono essere utilizzate in un eventuale processo giudiziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.