Il segreto per svegliarsi presto al mattino e sentirti riposato e ricaricato come non mai

Qual è il trucchetto per riuscire a cambiare le abitudini connesse al proprio ciclo di sonno? Ecco qualche dritta per riuscire a svegliarsi prima e ricaricati!

Orologio sveglia (Canva)

Il risveglio al mattino dovrebbe essere piacevole e lasciarci pieni di energia. La sfortunata verità è che poche persone si sentono così. Invece, svegliarsi stanchi e sbadigliando è fin troppo comune. Ma non deve essere così.

L’obiettivo di un recente esperimento è scoprire esattamente qual è il vostro ciclo del sonno. Se vi attenete al vostro ciclo naturale del sonno, vi sveglierete riposati ed energici. Se invece dormite in un momento diverso dal vostro ciclo naturale, vi sveglierete stanchi, anche se avete dormito per un tempo ragionevole.

Il test per comprendere e migliorare il proprio ciclo del sonno

Sveglia ignorata (Canva)

Molte persone puntano la sveglia con le migliori intenzioni, sapendo che è l’ora in cui devono alzarsi per far fronte agli impegni della giornata. Ma poi la sveglia sembra suonare molto prima che siano pronti ad alzarsi, per cui si preme il tasto off e, alla fine, si arriva in ritardo. Qualcosa deve cedere.

La chiave sta nel corpo. “Un fattore importante per riuscire a svegliarsi facilmente all’ora desiderata al mattino è la tempistica del proprio ritmo circadiano, o ‘orologio del corpo”, afferma lo studioso del sonno Leon C. Lack, PhD, professore emerito della scuola di psicologia della Flinders University di Adelaide, Australia. Per svegliarsi in orario è necessario pianificare il proprio programma di sonno il giorno e la sera prima e fare in modo che le mattine siano importanti. Ecco un test creato appositamente per comprendere a pieno le proprie abitudini e il proprio ciclo di sonno, imparando a regolarlo e a gestirlo.

Fase 1: Niente sveglia per i primi due giorni

Prima di intraprendere questo esperimento, dovrete trascorrere due giorni consecutivi senza impegni al mattino presto. Per la maggior parte delle persone ciò avverrà durante il fine settimana, anche se ovviamente tutto dipenderà dai giorni in cui dovrete lavorare per il vostro particolare lavoro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Non gettare via i barattoli di vetro: ecco cosa puoi creare in pochi minuti e tanta fantasia

Il primo passo è spegnere la sveglia la sera prima. È semplicissimo!  Per la buona riuscita dell’esperimento, è necessario andare a dormire a un orario relativamente “normale”. In altre parole, non rimanete svegli fino a tardi solo perché la sveglia è spenta! Andate a letto a un orario che vi permetta di dormire dalle 6 alle 8 ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Come fare il particolare albero di Natale a testa in giù: non immagini nemmeno quanto sia facile

Poi, quando vi svegliate la prima mattina (senza sveglia), non siete autorizzati a rimanere a letto. Quando vi svegliate, alzatevi subito e iniziate la vostra normale routine.

La sera dovrete andare a letto alla stessa ora di prima. Anche in questo caso, non usate la sveglia. Al mattino, quando vi svegliate, alzatevi immediatamente, come avete fatto in precedenza. Se quella mattina vi svegliate a un’ora più o meno simile a quella della mattina precedente, allora avete trovato il vostro ciclo naturale del sonno! Questo ovviamente presuppone che abbiate dormito dalle 6 alle 8 ore in quelle notti.

Fase 2: impostare la sveglia

Ora, per la notte successiva, impostate la sveglia all’ora stabilita nel primo passo. Ricordate di alzarvi immediatamente quando suona la sveglia.

SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIKTOK

Non premete “snooze” sulla sveglia: vi convincerete che non dovete svegliarvi subito e di conseguenza il vostro corpo si sentirà stanco.

Fase 3: Mantenere queste abitudini

A questo punto, il vostro ciclo del sonno è stato impostato. Andate a letto alla stessa ora e impostate la sveglia allo stesso orario. Potreste persino scoprire che il vostro corpo “sa” già quando svegliarsi e potrebbe non essere necessaria una sveglia. Ciò indica che il vostro corpo ha dormito a sufficienza. Noterete anche che al mattino vi sentite riposati, rinfrescati e pieni di energia.

Perché è così importante scoprire il mio ciclo naturale del sonno

Ad esempio, se il vostro ciclo naturale del sonno va dalle 22 alle 6, ma se avete dormito dalle 12 alle 8, vi sentirete stanchi. Anche se entrambi corrispondono alla stessa quantità totale di sonno, vi sentirete riposati solo se il sonno coincide con il vostro ciclo naturale. Ecco perché è così importante scoprire il proprio ciclo naturale del sonno.

È anche possibile e probabile che non si dorma abbastanza. In questi casi, questo esperimento vi aiuterà a capire di quante ore di sonno avete naturalmente bisogno. Potreste essere sorpresi di scoprire il vostro ciclo naturale del sonno, ma sarà una piacevole sorpresa!  È un esperimento che vale la pena di provare se vi svegliate sempre stanchi.

Come faccio ad adattare la mia vita al nuovo ciclo?

Supponiamo che prima dormivate dalle 12.00 alle 8.00, ma scoprite che il vostro ciclo naturale di sonno va dalle 22.00 alle 6.00. Vi chiederete come fare per inserire i vostri hobby serali o le faccende domestiche che eravate soliti fare a quell’ora. È semplice: basta spostare queste attività al mattino. Anche se inizialmente potrebbe sembrarvi strano navigare su Internet o fare il bucato alle 6 del mattino, non c’è nulla di male.

La produttività della vostra vita sarà la stessa, ma semplicemente le attività saranno svolte in momenti diversi della giornata rispetto a prima. Anzi, è probabile che con il nuovo ciclo di sonno sarete ancora più produttivi, perché vi sveglierete svegli e avrete più energia per tutto il giorno.

Naturalmente, se avete un impegno non negoziabile che si scontra con il vostro ciclo di sonno (ad esempio, il vostro lavoro inizia prima del vostro orario naturale di sveglia), non potete evitarlo. Ma in queste situazioni si può comunque trarre beneficio se ci si attiene il più possibile al proprio ciclo del sonno. Quindi non arrendetevi: andate a letto un po’ prima e svegliatevi un po’ prima, in modo da poter arrivare al lavoro in orario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.