Ogni quanto cambi le lenzuola? Forse hai sempre fatto un errore, scoperta incredibile!

Ho fatto una scoperta davvero pazzesca su ogni quanto dovremmo cambiare le lenzuola: la risposta a questo enigma è finalmente svelata.

quando cambiare le lenzuola
Letto rifatto con lenzuola pulite (fonte foto Canva)

I consigli e i trucchetti, per alleggerire il carico delle faccende domestiche, non finiscono mai. Tra nuovi escamotage ed antichi “rimedi della nonna” non si finisce mai di imparare qualcosa di nuovo e di utile. Uno dei temi più gettonati è sicuramente quello delle pulizie domestiche. Con la vita frenetica che conduciamo, viene sempre più difficile tener fede a tutti i nostri impegni, sia fuori che dentro casa.

L’igiene è importantissima, anzi fondamentale per la nostra vita e lo abbiamo imparato anche durante la pandemia di Covid. Vivere in un ambiente pulito ed igienizzato ci permette di evitare germi, virus e batteri che possono incidere negativamente sulla nostra salute. Uno dei luoghi della casa in cui possiamo trovare moltissimi microrganismi dannosi è proprio il nostro letto. Se poi pensiamo anche agli acari della polvere che vivono nel materasso e sui cuscini, allora comprendi quanto sia importante dormire in una stanza e su un letto perfettamente puliti.

Gli acari della polvere mangiano i residui di pelle che, involontariamente, lasciamo tra le lenzuola, per questa ragione è importantissimo sapere come e quando cambiarle. Avendo sempre cibo a disposizione, gli acari finiscono per moltiplicarsi e creare anche seri problemi alla salute, soprattutto nelle persone più sensibili. Ti basterà seguire qualche piccola dritta per evitare il peggio e non permettere agli acari di diventare i tuoi ospiti indesiderati proprio nel letto, il luogo in cui dovresti riposare e ricaricarti ogni giorno. Scopriamo subito come fare, ti garantisco che è semplicissimo.

Sai dirmi ogni quanto bisognerebbe cambiare le lenzuola? Probabilmente non conosci la risposta esatta

lenzuola pulite
Lenzuola pulite (fonte foto Canva)

Per prima cosa, dobbiamo fare un’importante distinzione. Il tempo utile per cambiare le lenzuola infatti cambia in base alla stagione. In estate, visto il caldo e il sudore, andrebbero cambiate ogni due o tre giorni per evitare che li acari creino delle vere e proprie colonie.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Come pulire velocemente e alla perfezione i fornelli della cucina sporchi e unti

Nei mesi freddi invece non c’è bisogno di cambiarle così frequentemente, ma comunque bisognerebbe farlo ogni settimana. Anche gli starnuti, la saliva e i nostri peli e liquidi finiscono per diventare cibo per funghi e acari che possono farci stare molto male fisicamente.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Come pulire e lucidare il pavimento in laminato: non crederai allo splendore davanti ai tuoi occhi

Oltre alle tempistiche, bisogna anche sapere come lavare le lenzuola per eliminare a fondo tutto lo sporco che si insinua nelle fibre dei tessuti. Non basta quindi un semplice lavaggio rapido in lavatrice, bisogna avere delle particolari attenzioni. Per prima cosa, devi guardare l’etichetta delle lenzuola perché, in base al tipo di tessuto, il lavaggio potrebbe cambiare.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Le migliori spazzole per pulire i termosifoni a meno di 10 euro

Se il tessuto lo permette, la temperatura del lavaggio in lavatrice dovrebbe essere di almeno 60°C e dovresti utilizzare un detersivo igienizzante. Per le lenzuola colorate, devi impostare il lavaggio a 40°C, utilizza sempre un detersivo igienizzante. Nel cestello, aggiungi anche un cucchiaio di bicarbonato di sodio per smacchiare, sbiancare ed eliminare germi e batteri. Al detersivo, puoi anche aggiungere un bicchiere di aceto di vino bianco, non preoccuparti l’odore non si sentirà e ti permetterà di disinfettare le lenzuola.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Dopo averle lavate, stendile sempre all’aria aperta e falle asciugare per bene prima di metterle a posto nell’armadio altrimenti l’umidità favorirà la proliferazione di microrganismi dannosi e si verrà a creare un cattivo odore davvero tremendo.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Aurora De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.