Attenzione all’insalata in busta: non tutti conoscono questo retroscena preoccupante

L’insalata in busta è di più facile e veloce da fare quando si deve preparare della verdura fresca, tuttavia meglio fare attenzione a questo aspetto.

busta insalata attenzione
Insalata (Canva)

Non c’è niente di più facile e veloce che portare in tavola dell’insalata condita prelavata dalla semplice busta che si acquista al supermercato. Non solo insalata come contorno, anche insalatone aggiungendo formaggio e pollo, per esempio. Non si può dire che le insalate in busta non siano vantaggiose.

Con l’insalata in busta, difatti, si eliminano i tempi di pulizia che richiede il cespo di insalata, che può scoraggiare molti a non considerare la verdura. Tuttavia ci sono alcune cose da sapere riguardo questo alimento, per l’esattezza, alcuni chiarimenti che sono necessari per evitare fraintendimenti.

SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAMTELEGRAM E TIK TOK

Attenzione all’insalata in busta: ecco cosa sapere!

cosa sapere dell'insalata in busta
Ciotola insalata (Canva)

Ti potrebbe interessare anche >>> Solo radicchio e pochi altri ingredienti per il contorno più buono di sempre: lo fai in padella!

La prima cosa utile da sapere è che l’insalata in busta, al contrario di ciò che si crede, non è trattata con disinfettanti chimici. Una volta raccolta, viene lavata, asciugata e poi confezionata e questo processo avviene nel giro di poche ore. Quindi un ulteriore lavaggio risulta pressoché inutile. Proprio il lavaggio che  avviene a livello industriale, avviene con acqua potabile e non l’ammollo per limitare la dispersione delle sostanze nutritive.

Ti potrebbe interessare anche >>> Hai finito lo zucchero a velo? Ti insegno un trucco per farlo in casa in 3 minuti

Un altra falsa credenza è il contenuto dei conservanti all’interno dell’insalata in busta. L’insalata si conserva a lungo grazie all’atmosfera e alla temperatura che si crea all’interno del sacchetto. La busta sigillata impedisce all’ossigeno di entrare e quindi impedisce l’ossidazione e allo stesso tempo la fuoriuscita dell’anidride carbonica.

Ti potrebbe interessare anche >>> È questo il pollo al forno con patate più buono di sempre: con questo trucco viene una bontà

Per quanto riguarda la scadenza indicata, invece, l’importante è guardare la condizione delle foglie. In frigo, infatti, una busta di insalata può durare fino a 7 giorni. Tuttavia sempre meglio consumarla prima della suddetta scadenza, comunque se non appaiono annerite o molli, le foglie sono ancora buone. Le uniche accortezze da tenere a mente sono:

  • Quando la busta risulta troppo gonfia, meglio gettarla via poiché significa che c’è troppa condensa.
  • Non acquistare sacchetti che presentano al loro interno già foglie annerite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.