Prendi il Pandoro, taglialo a pezzi e aggiungi l’ingrediente segreto: ecco pronti dei dolcetti deliziosi

Questo Natale sarà all’insegna dell’ecosostenibilità, anche in cucina! Zero sprechi con questa ricetta super facile per riutilizzare il pandoro avanzato e realizzare un dolce irresistibile!

Pandoro (Canva)

Questo Natale 2022 cerchiamo di non avanzare cibo e se proprio proprio non potete farne a meno, rifatevi a delle ricette salva cucina per riutilizzare ciò che non avete mangiato o consumato regolarmente. E’ il caso del tanto amato e discusso Pandoro che, durante le festività, si trova in ogni tavola delle famiglie italiane.

Per non sprecare il Pandoro (la cui ricetta rimane ancora segretissima!), in molti propongono delle ricette contro gli sprechi alimentari per trasformare questo dolce in qualcosa di ancora più goloso e irresistibile. Ecco i dettagli.

Pandoro: come realizzare dei dolcetti irresistibili

Fette di Pandoro (Canva)

Il pandoro è una ricetta tipica italiana che gli italiani preparano e mangiano per Natale. Si tratta di un pane morbidissimo di colore giallo e sofficemente lievitato che si mangia da solo o con la crema. È la controparte del panettone, un’altra ricetta natalizia italiana molto tipica, ed è anche chiamato “pane d’oro”.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO → La ricetta facile e veloce per creare una bellissima casetta di pan di zenzero per Natale

Esistono due versioni di pandoro, una facile con lievito secco, molto più semplice e veloce da realizzare, e una tradizionale, che richiede molto impegno, ma il risultato è semplicemente stupefacente. Come tutti i prodotti lievitati tradizionali, anche il pandoro richiede molto tempo e impegno se lo si vuole fare in casa.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO → 4 ricette sprint da preparare in pochi minuti e con pochissimi ingredienti: una vera svolta

È necessario pianificare le diverse fasi di lievitazione, quindi bisogna mettere da parte un po’ di tempo se si vuole preparare un dolce simile a quello che si trova nelle pasticcerie o nelle panetterie. Le origini del pandoro risalgono a Verona, nel Nord Italia. Questo dolce era chiamato “Pan de Oro” e veniva servito nelle case dei più ricchi. La forma del pandoro fu scelta dal pittore Angelo Dall’Oca Bianca e, insieme alla ricetta, fu depositata nel 1894 dal proprietario della famosa azienda italiana Melegatti.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO → Tronchetto di Natale: la ricetta completa del dolce classico delle feste natalizie

Ma come comportarsi se questo prezioso alimento avanza a tavola? Ecco una ricetta salva spreco.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Tartufini di pandoro e nutella: non potrete più farne a meno

I tartufini di pandoro e nutella sono un dolce salva spreco molto goloso che conquisterà proprio tutti, dai più grandi ai piccini. Per realizzarli vi serviranno:

  • nutella;
  • pandoro avanzato;
  • zucchero a velo;
  • cacao amaro.

Prendete il vostro pandoro e realizzate delle fette da ridurre a piccoli pezzettini con un buon coltello. Trasferire i pezzettini in una ciotola e sbriciolare con le mani fino ad ottenere una sorta di trito. Aggiungere due cucchiai di nutella all’impasto e mescolare prima con una spatola e poi con le mani, fino ad ottenere una consistenza giusta per realizzare dei tartufini.

Realizzate quindi delle piccole polpette di forma circolare da passare poi nel cacao amaro. Una volta realizzati, trasferire in un piatto fondo e spolverare con zucchero a velo. Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.