Mangiafumo: una pianta da interno che non dovrebbe mai mancare in nessuna casa

Mangiafumo: Beaucarnea recurvata, la pianta indispensabile dentro casa che assorbe gli odori. Ecco come prendersene cura.

La Beaucarnea recurvata, nota anche come Mangiafumo o piede d’elefante o più comunemente come palma coda di cavallo, è una pianta d’appartamento dall’aspetto piuttosto strano.

Le piante giovani hanno un aspetto simile a quello delle cipolle, con la parte inferiore rotonda e le foglie erbacee in cima, mentre gli esemplari adulti hanno un fusto spesso e marrone da cui spuntano le foglie come una coda di cavallo. Ecco come prendersi cura di questa pianta bizzarra, quanto necessaria in casa.

Mangiafumo: la pianta di cui la nostra casa avrebbe bisogno

msngiafumo
Mangiafumo in vaso (Canva) – Inran.it

Come per tutte le piante d’appartamento, il modo migliore per capire come prendersi cura della palma coda di cavallo è tenere presente il modo in cui cresce naturalmente. Nonostante il nome, questa pianta non è in realtà una palma, come la palma dei gatti, ma è più strettamente imparentata con la yucca.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Ficus Bonsai: è questo il posto migliore in casa per farlo crescere a dismisura

La palma coda di cavallo cresce naturalmente nelle zone aride del Messico e usa il suo tronco spesso per immagazzinare acqua. Secondo uno studio del 1963, si trovano in aree veramente inospitali con terreno roccioso, come pendii e scogliere. Qui le piante possono raggiungere centinaia di anni di età.

Poiché la palma coda di cavallo si trova naturalmente in zone molto soleggiate, apprezzerà di essere collocata in un luogo luminoso con molta luce diretta. Può sopravvivere anche in condizioni di minore luminosità, ma la crescita sarà più lenta e la pianta non prospererà come con la luce diretta.

LEGGI ANCHE –> Sterlizie: come crescere la pianta dai fiori particolari sia in casa che in giardino

Se temete che la vostra casa sia un po’ buia, potete comunque coltivare una palma coda di cavallo. Basta fornire un po’ di luce in più utilizzando tubi fluorescenti o LED!

In alternativa, potete provare a spostare la pianta all’esterno durante i caldi mesi estivi. La pianta trarrà grande beneficio dal fatto di poter prendere il sole per alcuni mesi all’anno. Potrete comunque godervi la pianta in casa durante i mesi invernali, quando deve svernare nella maggior parte dei climi.

Temperatura di coltivazione

Per quanto riguarda le temperature, la palma coda di cavallo non è troppo esigente. Può sopportare temperature molto più basse rispetto a molte altre piante d’appartamento popolari. Fino a temperature appena superiori al livello di congelamento dovrebbe andare bene, a patto di regolare il programma di irrigazione di conseguenza, evitando di annaffiare (quasi) completamente fino a quando la situazione non si riscalda di nuovo.

Come si può dedurre da quanto detto in precedenza, non dovete preoccuparvi troppo delle basse temperature in casa. La vostra palma coda di cavallo dovrebbe stare bene nelle zone più fredde della vostra casa, anche in quelle finestre piene di spifferi che diventano troppo fredde per le piante tropicali della vostra collezione.

Il terreno

Come già accennato, questa pianta si trova naturalmente in zone aride e immagazzina l’acqua nel suo tronco. Come i cactus, le palme a coda di cavallo hanno bisogno di un terreno ben drenante. Se il terreno rimane umido per troppo tempo dopo l’annaffiatura, il marciume delle radici può diventare un problema.

Una miscela per cactus è un’ottima opzione, oppure potete mescolare un normale terriccio con molto materiale granuloso per creare il vostro. Provate la perlite, la roccia vulcanica frantumata, la corteccia di orchidea o la pomice per fornire la consistenza ariosa di cui ha bisogno la palma a coda di cavallo.

Come piantarla

Assicuratevi di utilizzare sempre un vaso con un foro di drenaggio per la vostra palma coda di cavallo invece di un vaso chiuso per migliorare il drenaggio. I vasi di argilla non smaltata sono una buona opzione per qualsiasi succulenta, poiché permettono all’umidità di fuoriuscire attraverso le loro pareti porose.

La palma a coda di cavallo ha una crescita molto lenta, il che significa che, anche con luce e annaffiature adeguate, non deve essere rinvasata spesso. Se il programma di irrigazione o l’illuminazione non sono corretti, la crescita sarà quasi nulla. Una pianta sana e in crescita può essere rinvasata una volta ogni due anni o quando supera il suo contenitore attuale. Con il passare degli anni, questa pianta può diventare molto grande!

Annaffiatura

Stabilire un buon programma di irrigazione per la palma coda di cavallo può essere un po’ complicato. La guida all’annaffiatura delle succulente contiene maggiori informazioni, ma fondamentalmente si riduce a quanto segue:

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

  • La frequenza di irrigazione è simile a quella di cactus e succulente.
  • È importante lasciare che il terreno si asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra per evitare marciumi. Il tempo necessario dipende dal periodo dell’anno.
  • In estate, di solito è necessario annaffiare ogni settimana. In inverno, invece, è sufficiente annaffiare una volta al mese.
  • L’umidità non è un problema per le palme da coda di cavallo, ma l’aria non deve essere eccessivamente secca.
  • Alimentazione della palma a coda di cavallo
  • Le palme a coda di cavallo non hanno bisogno di molto fertilizzante e possono fare bene anche senza. In realtà, una somministrazione eccessiva di fertilizzante non è una buona idea e può causare danni. È sufficiente somministrare un paio di volte durante la primavera e l’estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.