Non fare brutta figura a Natale e lucida così l’argenteria: ti mostro un sistema facile e veloce

Poche sono le settimane che ci dividono dal Natale ed è importate ripulire e disinfettare al meglio la casa con annessa anche tutta l’argenteria che andrai poi a posizionare sulla tavola come arredo!

cristalleria
Teiere in argento (Canva) -Inran.it

È arrivato il momento di tirare fuori l’argenteria di casa e di ripulirla al meglio, grazie a un metodo infallibile che vorrei proporti. In questo modo farai una bellissima figura con amici e parenti quando si presenteranno a casa tua per Natale. Fra l’argenteria più comune che conosciamo ci sono le posate, i vassoi, i sopramobili, candelabri, cornici e piatti di vario genere. L’argento è un particolare metallo che col tempo tende a scurirsi formando una patina di solfuro nero e questa reazione chimica avviene quando l’argento entra in contatto con l’ossigeno e con l’idrogeno solforato e per eliminarla completamente bisogna armarsi di pazienza e tanto olio di gomito.

Di solito per ripulire l’argenteria si utilizza una tecnica ben specifica. Ovvero quella della lucidatura, anche se a lungo andare questa operazione può danneggiare irreversibilmente la sottile placca d’argento. Per questo l’ideale sarebbe quello di lucidare e pulire l’argenteria ogni giorno, in modo che l’oggetto sia protetto sempre dall’ossidazione. Svariati sono i prodotti in commercio che prometto l’impossibile, ma che alla fine non portano a nessun risultato concreto. Per non parlare della spesa irrisoria, dato che questi prodotti specifici costano davvero troppo. Per questo vorrei proporti un’alternativa economica, del tutto conveniente alla quale non riuscirai più a farne a meno.

Ecco il rimedio per un’argenteria sempre lucida e pronta per Natale!

olio di gomito
Donna che lucida un vassoio in argento (Canva) -Inran.it

Grazie a questa guida potrai finalmente abbellire casa con l’argenteria a tua disposizione per Natale. Questo rimedio naturale renderà i tuoi oggetti in argento lucidi e protetti per molto tempo. Ecco di che si tratta: due prodotti naturali presenti in ogni casa, quindi la spesa è pari a zero!

LEGGI ANCHE: Come lucidare i gioielli: dalla bigiotteria fino all’oro | Trucchi geniali e a costo zero

È importante che tu tenga sempre l’argentaria in un luogo asciutto e lontano da qualsiasi fonte di calore e di umidità che potrebbero ossidare facilmente l’argenteria. L’ideale sarebbe quello di collocare i vari pezzi in argento in una cristalleria o in un armadietto in porcellana. Piuttosto che buttare via nel dimenticatoio i vari oggetti presenti in casa tua, il consiglio migliore è quella di utilizzarli il più possibile. Così da prevenire l’ossidazione e di ripulirla una volta utilizzata appena vorrai metterla via nell’armadietto.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK E CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Sia gli oli della pelle a contatto con l’argenteria che i residui di cibo potrebbero danneggiare il prodotto. Per questo si consiglia sempre di lavare l’argenteria con una semplice soluzione di acqua calda e scaglie di sapone Marsiglia. Evita di inserire questi oggetti in argento nella lavastoviglie. Ma di lavarli sempre a mano munendoti di un paio di guanti in cotone e di non lasciare asciugare l’argenteria all’aria, ma di tamponare o strofinare delicatamente i vari oggetti con una federa di flanella o un panno in cotone.

LEGGI ANCHE: Pulire la casa con il ketchup: lo puoi fare (e non è uno scherzo)

Il metodo più efficace è l’utilizzo dell’aceto di vino bianco e il bicarbonato di sodio. Un rimedio utilizzato dalle nostre nonne ed è in grado di eliminare qualsiasi macchia presente sull’argenteria: provare per credere! Un valido alleato contro macchie e aloni di ogni genere ed è un prodotto che è presente in ogni casa. Il primo passo è quello di portare a bollore una pentola colma d’acqua. Una volta che l’acqua sarà pronta spegni il fornello e inserisci all’interno qualche bicchiere di aceto di vino bianco e qualche cucchiaio abbondante di bicarbonato. A questo punto immergi la varia argenteria dentro la pentola e lascia gli oggetti in ammollo per qualche ora. Una volta trascorso il tempo stabilito risciacqua l’argenteria e asciugala accuratamente con un panno morbido evitando spugne abrasive che andrebbero solo a graffiare immancabilmente la superfice dei vari oggetti.

Nicolas De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.